Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso all'installazione di qualsiasi cookie clicca sul pulsante "Scopri di più". Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie

Mostre ed eventi

Mostre ed eventi

Una sezione web con sette videoracconti e una roadmap, online e cartacea, con cinque suggestivi itinerari, da percorrere a piedi o in bicicletta, che toccano 44 luoghi rinascimentali, tra noti e meno conosciuti, della città e dei suoi dintorni (https://www.ferrarainfo.com/it/rinascimento/) - Sono gli strumenti contemporanei che accompagnano il turista alla scoperta dell’anima rinascimentale di Ferrara, frutto del progetto “FEEL THE HISTORY, Ferrara Capitale del Rinascimento” voluto dal Comune di Ferrara e finanziato da Visit Romagna in collaborazione con Apt Servizi Emilia-Romagna – Un viaggio tra le bellezze della città che ancora oggi si nutre dei fasti di 500 anni fa, attraverso preziose opere, pregiati palazzi, antiche strade e tradizioni di un’epoca tra le più floride e magnifiche del passato (www.ferrarainfo.com/it/rinascimento/)Un tuffo nel Rinascimento, un viaggio nel cuore di una città che vive, oggi come allora, i fasti della Corte estense, attraverso una sezione web con le eleganti immagini di sette video, una roadmap…
Fino al 18 luglio p.v., la Raccolta Lercaro - presso l'Istituto Veritatis Splendor - espone nelle proprie sale, il “Baldacchino votivo” fatto costruire dai cittadini bolognesi al termine della terribile epidemia di peste del 1630 e, dal 1634, utilizzato per le processioni di ringraziamento alla Vergine del Rosario. Realizzato in velluto, seta, fili d’oro e d’argento, il prezioso manufatto è composto da una copertura in cangiante seta azzurra trapuntata di stelle dorate e da 4 bandinelle laterali su cui sono ricamati e dipinti, su disegni di scuola reniana (del Guido Reni) i santi protettori delle singole Corporazioni locali. Straordinariamente conservato, si presenta come il risultato di un minuziosissimo lavoro di artigianato artistico capace di armonizzare sapientemente padronanza della tecnica e devozione religiosa. Oggi, nel cuore della seconda primavera segnata dal Coronavirus, la Raccolta Lercaro vuole offrire al pubblico non solo la fruizione di un capolavoro cittadino, ma anche e soprattutto…
Da Ferrara a Rimini, da Piacenza a Forlì, da Parma a Ravenna, l’Emilia Romagna si fa trovare pronta alla riapertura di musei, mostre e teatri con una vastissima proposta culturale e grandi mostre e Festival a cui si può accedere in totale sicurezza - A far da palcoscenico a questi appuntamenti sono le Città d’Arte in tutta la loro bellezza, ricche di monumenti, alcune delle quali raddoppiano la proposta espositiva aprendo diverse mostre in contemporanea - Si riparte con pittura, scultura, fotografia, disegno, arte antica e contemporanea: le grandi mostre di Forlì e Ravenna celebrano Dante; Ligabue è in mostra a Parma e a Ferrara; Correggio, Modigliani e Fornasetti sono a Parma; Arnaldo Pomodoro a Soliera (Mo); Raffaello a Piacenza; Corcos, Morandi e Samorì a Bologna; Alfonso Leoni riapre a Faenza (Ra); l’arte contemporanea è a Rimini – E ancora: tornano Art City a Bologna e il Festival della Fotografia…
Esposizione della Copia della Sindone e conferenza su “Il culto della Sacra Sindone e i Cavalieri Templari di Ieri e di Oggi” il 15, il 22 e il 29 ottobre p.v. alle ore 18,00 (subito dopo la santa messa delle 17,00) nella basilica di San Giacomo Maggiore in via Zamboni a Bologna, con relatore Mauro Giorgio Ferretti, presidente dell'Associazione Templari Cattolici d'Italia nonché Magister dell'Ordo Equester Templi.  La basilica di San Giacomo Maggiore fu fondata sotto le 2 Torri nel 1267 come chiesa dell'ordine degli Agostiniani. E’ nota anche perché al suo interno si trova la cappella Bentivoglio, splendida architettura di metà Quattrocento, ricca di opere d'arte rinascimentali. ­Ogni anno il 22 maggio, nella chiesa di San Giacomo Maggiore si celebra una grande festa in onore di Santa Rita da Cascia, patrona dei casi impossibili e delle donne infelicemente maritate.Come è noto, si ritiene che la Sindone abbia avvolto il…
Da un’idea di Vittorio Sgarbi: "L’arte contemporanea è in divenire, quindi non ce n’è una, non ce n’è un aspetto soltanto. Il contemporaneo è infinitamente esteso."  Tutta l’arte è contemporaneaIl rapporto tra antico e contemporaneo è al centro dell’indagine della nuova stagione del Mart di Rovereto, programmata dal presidente Vittorio Sgarbi.  Il nuovo palinsesto del Mart attraversa i secoli. I maestri classici e moderni dialogano tra loro e con le opere di una collezione pubblica tra le più ricche d’Europa. Alla ricerca delle connessioni tra la storia, i grandi classici e i linguaggi del XX secolo, il Mart pone a confronto epoche distanti, offrendo nuove stratificate letture dell’arte italiana. Questo tipo di proposta espositiva, basata su confronti e parallelismi, è una delle cifre stilistiche del museo di Rovereto che già nel 2013 proponeva una straordinaria mostra su Antonello da Messina, a cura degli studiosi Ferdinando Bologna e Federico De Melis. Per l’occasione,…
BERKEL FRA ARTE E DESIGN Il brand di affettatrici più conosciute al mondo mette sul mercato i pezzi unici della Volano B114 con cui ha celebrato il proprio 120° anniversario   È “l’affettatrice” per antonomasia, nata a Rotterdam nel 1898 dal genio di Wilhelmus Van Berkel, macellaio con la passione per l’ingegneria meccanica, ma anche perché grazie al suo design unico ed elegante è diventata una vera e propria icona in tutto il mondo. Perfetta nella sua linearità, la Volano Berkel è l’oggetto del desiderio per molti appassionati e collezionisti, uno “strumento” di uso quotidiano assunto a opera d’arte tanto da essere esibito nei loft dei nuovi grattacieli come pezzo di design industriale, o nelle cucine e nelle sale dei ristoranti in quanto simbolo di convivialità e di eccellenza Made in Italy. Ed è proprio a lei, alla mitica Volano B114 che nell’ottobre del 2018, in occasione del proprio centoventesimo anniversario, Berkel ha…
Le temute “misure draconiane”, ventilate pochi giorni fa, come extrema ratio dal ministro del consiglio Conte, sono diventate obbligatorie. Si sono rese necessarie per arginare la progressiva espansione del contagio da Covid-19, diventata incontrollabile, visti i risultati dei monitoraggi dell’OMS (Organizzazione mondiale della sanità) della Protezione civile, del Ministero della sanità e dell’ISS (Istituto superiore della sanità) numeri in continuo aumento: 10149 gli infetti da noi in Italia - 1797 solo nelle ultime 48 ore…  900 i pazienti in terapia intensiva, ma zero (!) i casi dell’ultimo giorno a Codogno, dove pare ci sia stato il primo focolaio, 1004 sono i guariti e 631 le vittime; l’epidemia ha contagiato in maggioranza gli over 70, ma il 5-7% ha meno di 30 anni.  Lombardia, Emilia Romagna e Veneto, sono le zone più colpite dall’epidemia, ma ormai in tutte le regioni si registrano casi.  Gli anziani sono i più colpiti, perché spesso soggetti ad altre patologie…
E’ viva più che mai la diatriba per i nostri prodotti del settore agroalimentare che da lungo tempo sono sotto attacco per l’“italian sounding” (l’imitazione dei prodotti italiani) con valori che raggiungono i 26 miliardi di euro… (per ogni nostro prodotto autentico ce ne sono 2 e mezzo falsi!). Nel 2019 con un milione e trecento mila aziende (più di due milioni e mezzo di addetti) abbiamo esportato 50 miliardi di euro tra cibi e vini (accoppiata che vale 460 miliardi di euro)… Approfittando dello stato delle cose riferito al “Coronavirus” ultimamente molti Stati prendono inopportuni provvedimenti per cautelarsi da accidentali rischi di contaminazioni, come ha fatto la Cina (da che pulpito…) che per limitare eventuali casi dovuti al nuovo virus, ha chiuso le nostre importazioni di ortaggi, frutta e vino, portando i valori economici in questi giorni a un evidente (quanto congruo) calo del 12%!  E gli USA non sono…
A due settimane dall’avvento del Covid-19 (Corona Virus Disease 2019) in Italia le restrizioni governative – annunciate dal capo della Protezione civile, Angelo Borrelli (commissario governativo per l'emergenza coronavirus) – dovute alla situazione “infetti”, le suddivisioni in “zone rossa e gialle”, i quotidiani aggiornamenti (al 29 febbraio scorso) con “ricoverati positivi (1049) – deceduti (29) – guariti (50) 4 sono della Liguria – se da una parte hanno ridimensionato le paure del primo momento (con razzia di mascherine, di flaconi di amuchina e assalti ai supermercati) dall’altra, hanno “bloccato” le normali attività sociali, dalla riduzione di orario di fabbriche e aziende commerciali, alla chiusura (ancora fino al prossimo 8 marzo) di scuole e università in Lombardia, Veneto e Emilia Romagna, alle frequentazioni ai bar, ristoranti, cinema e teatri, senza contare i trasporti, nella fattispecie aeroporti, stazioni ferroviarie e trasporti su gomma, con voli cancellati o posdatati e itinerari interrotti alle…
Andare a Venezia in questi giorni: con o senza maschera? A pochi giorni dal giovedì o martedì grasso, meglio non farsi trovare sprovvisti e invece munirsi di una “bautta” o di una delle tante maschere in vendita o a noleggio, così si rispetta la tradizione e in qualche modo si mantiene l’anonimato. Le belle maschere veneziane sono conosciute in tutto il mondo. Nella cultura della Serenissima con il termine “maschera” si indicava l’attività di “mettersi barba e baffi finti” e “maschera” era anche il soprannome dato alle donne che si travestivano da uomini e agli uomini che si travestivano da donne. Eredità di antichi culti ma anche simbolo della libertà e della trasgressione a tutte le regole sociali imposte dalla Repubblica di Venezia… Gli antichi romani chiamavano la maschera del teatro “persona” che la dice lunga su chi siamo davvero. La bautta è forse la maschera più famosa ed ha…
Pagina 1 di 15

Rivista mensile cartacea e Ipad - Newsletter quindicinale - Trasmissione tv - Eventi live

Tipicità e turismo enogastronomico, cucina del territorio, ristoranti e ristoratori, chef, vini e vigneron, hotellerie, itinerari turistici, trend di mercato, cultura e lifestyle.

Contatti

Degusta Srl
Via Francesco Cilea, 10
40141
Bologna (BO)
PI 03533051201
marketing@degusta.tv