Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso all'installazione di qualsiasi cookie clicca sul pulsante "Scopri di più". Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie

News

News

News dal network Degusta

“La felicità non è felicità senza una capra che suona il violino…”. Questa è la frase che Julia Roberts (nei panni di Anna Scott nel film Notting Hill) dice indicando una copia de “La mariée” (in italiano “La sposa”) il famoso olio su tela realizzato nel 1950 da Marc Chagall. Un esempio che testimonia la fama di questo artista che è riuscito ad entrare con il suo universo fantastico nell’immaginario collettivo anche più pop. E proprio al grande pittore russo, naturalizzato francese, è dedicata la monografica  “Marc Chagall. Anche la mia Russia mi amerà”. Inizialmente programmata per la scorsa primavera, ha aperto i battenti nello splendido Palazzo Roverella di Rovigo per proseguire fino al 17 gennaio 2021.L’esposizione, promossa da Fondazione Cariparo, Comune di Rovigo e Accademia dei Concordi, è incentrata sull’influsso determinante che sulla sua opera ha esercitato la grande tradizione culturale della sua patria russa.Infatti la “Grande Madre Russia” rimane…
Dal 25 al 27 settembre il cuore della capitale della riviera romagnola ospita il “circo 8 ½” dei sapori, fra showcooking stellati, streetfood d’autore, mercati dedicati ai prodotti d’eccellenza del territorio, labstore di artigiani, incontri e laboratori curati da Slow Food e una cena spettacolo nel centenario artusiano. Bottura, assieme a 12 chef emiliano romagnoli e a 12 talenti della cucina nazionale, sarà protagonista delle due cucine a vista nel circo “8 e ½” e nella Vecchia Pescheria. Novità di questa settima edizione: la reunion degli chef stellati di Rimini Street Food per una jam session dedicata alla ‘piada d’autore’.Massimo Bottura, 12 chef stellati emiliano romagnoli e 12 talenti della gastronomia italiana contemporanea tornano a Rimini per “Al Meni”, l'evento gastronomico che riesce a fare sintesi autentica tra cuochi, idee e prodotti di qualità, messi attorno allo stesso tavolo dallo chef che ha scalato le vette del mondo. Il circo 8 e ½ dei sapori quest’anno, per la prima volta,…
Cominciata in questi giorni per oltre 150 realtà vitivinicole e per i 25 produttori di Doc, delle Cinque Terre, la raccolta delle uve proseguirà fino a metà della prossima settimana sui terrazzamenti a picco sul mare. Si parte con le uve da passito Sciacchetrà e si prosegue con i grappoli destinati alla Doc del bianco secco, salendo via via su pose sempre più alte che raggiungono 500 metri s.l.m. Si prevede un raccolto in linea con gli scorsi anni per quantità e qualità che comunque risente di stagioni complicate dall’alternanza di piogge e dalle temperature alte. Nelle Cinque Terre il territorio vitivinicolo è verticale e si dipana in una rete di circa 6000 chilometri lineari di muri a secco per un totale di 8 milioni di metri cubi di pietre e, nei secoli, sono state ricavate strisce di terra (cìan) dove la vite è allevata da pochi vitivinicoltori eroici e tenaci,…
Non c’è modo migliore che accogliere l’autunno del viverlo in tutte le sue calde tonalità, ancora di più se immersi in dolci scenari montani. Questo e tanto altro nella quarta edizione dell’iniziativa HÜTTENKULT, il “Culto dei Rifugi” che permetterà a tutti gli appassionati di escursionismo di scoprire non solo il territorio della regione turistica di Villach, ma anche l’originale proposta enogastronomica di questa area carinziana. Sono dodici i rifugi inseriti nel programma che si estende oltre confine: in Italia con il rifugio Pellarini e in Slovenia con il rifugio Koča v Krnici. Un luogo lo si scopre visitandolo, scoprendolo in ogni suo angolo più nascosto, curiosando tra la sua storia presente e passata, godendo della bellezza di paesaggi, ma anche immergendosi nelle opere d’arte del territorio e nel suo folklore. Da non dimenticare però un aspetto imprescindibile per potersi tuffare totalmente nella cultura di un paese: la tradizione enogastronomica. Da qui nasce…
Se le difficoltà per il settore ristorativo nel 2020 non sono mancate, ci sono state però le soddisfazioni per chi negli anni ha investito in qualità. Berberè, l'insegna di pizzerie creata a Bologna dai fratelli Aloe, è stata inserita fra le dieci migliori catene artigianali di pizzerie (Top European Artisan Pizza Chains 2020) nell'ambita 50 Top Pizza Europe 2020. La nuova edizione online della guida dedicata alle migliori pizzerie del mondo è diventata già un punto di riferimento per gli addetti ai lavori e per consumatori e consumatrici. Dopo la riconferma nell'olimpo delle migliori pizzerie d'Italia nella Guida "Pizzerie d'Italia 2020" del Gambero Rosso e dei Pizza Awards 2019, questo riconoscimento riconferma il grande lavoro fatto dai fratelli Aloe. Le catene artigianali sono state selezionate sulla base del lavoro sul territorio degli ispettori della guida in tutta Europa. I criteri? Artigianalità del prodotto, qualità degli ingredienti e livello del servizio.Barbara Guerra, Luciano Pignataro…

Le nuove entrate nella compagine delle Pere IGP dell’’Emilia Romagna, ovvero Carmen e Santa Maria, le pere estive che danno l’avvio alla campagna produttiva, sono sempre più apprezzate dai consumatori sia in Italia che sull’intero mercato europeo. Piace la freschezza, la succosità, l’aroma, il colore e  la campagna 2020, per loro, è partita con una domanda vivace del mercato e buone quotazioni. Entrate a pieno titolo nel pool di varietà identificabili con il bollino di Indicazione Geografica Protetta, quest’anno si sono avvantaggiate anche della minor produzione di frutta estiva a nocciolo (pesche e nettarine, albicocche e susine) falcidiate dalle condizioni climatiche avverse proprio in Emilia Romagna. E’ terminata anche la raccolta della William, la prima delle varietà autunnali, che si presenta quest’anno di qualità eccellente e anch’essa molto richiesta ed apprezzata dai consumatori. Le produzioni di pere, secondo i dati previsionali di CSO Italy si attestano, a livello europeo  su 2.199.000 tonnellate, in aumento del 12% se messe a confronto con la produzione 2019, anno particolarmente negativo per i volumi prodotti. La produzione resta comunque in calo  (-4%) rispetto alla media 2015-2018 a causa, come al solito, di danni climatici pesanti, in alcune zone produttive, per le gelate primaverili, pioggia durante la fioritura e grandine durante l’ingrossamento dei frutti.

L’Italia, ed in particolare l’Emilia Romagna, culla della produzione di pere d’Europa ha subito pesantemente, anche quest’anno, i danni climatici, con un -12% di produzione rispetto alle medie 2015-2018. Anche Spagna e Portogallo rilevano un calo produttivo da danni climatico-ambientali, mentre Belgio, Olanda e Francia sono stabili o in crescita. 

In questi giorni è in corso la raccolta delle varietà più tardive in particolare Abate Fetel;

la produzione di pere in Emilia Romagna rappresenta, in assoluto, la produzione frutticola leader nazionale e occupa, considerata l’intera filiera, circa 100.000 lavoratori.

Il 13 settembre Porto Recanati dedica uno spettacolo a cinque sensi al suo celeberrimo piatto marinaro. Condotto da Tinto di Decanter Rai Radio 2, l’evento è sede di tappa del Grand Tour delle Marche. Un piatto povero, divenuto l’emblema dell’Adriatico a tavola, una specialità a base di pesce che mette d’accordo tutti, amanti della tradizione e buongustai gourmand. Il Brodetto di Porto Recanati si veste a festa ed invita tutti ad un imperdibile viaggio a cinque sensi.Domenica 13 settembre a partire dalle 18.30, l’Arena dedicata al Maestro Beniamino Gigli, nella centralissima Piazza Brancondi, ospita “A tutto brodetto”, spettacolo multisensoriale proposto dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con i ristoratori dell’Accademia del Brodetto portorecanatese. I partecipanti si addentreranno in un affascinante viaggio nel piatto tra i suadenti aromi di sua maestà “il Brodetto”, guidati dalla verve di Tinto, direttamente da “Decanter” di Rai Radio 2 e volto noto in diversi programmi televisivi dedicati al cibo. Un…
Wizz Air, la compagnia aerea più verde e in più rapida crescita in Europa* ha annunciato oggi la sua 36ma base a Catania. La compagnia aerea baserà 2 Airbus A321 all'Aeroporto di Catania dal mese di ottobre 2020. Accanto alla creazione della nuova base e al completamento delle 15 rotte già operative, Wizz Air ha annunciato 5 nuove rotte versoRoma Fiumicino, Bologna, Venezia , Memmingen (Münich West) e London Luton  da Catania e una nuova rotta da Milano Malpensa a Bari a partire da Ottobre 2020. I biglietti per le nuove rotte possono essere già acquistati su wizzair.com o sulla app della compagnia a partire da euro 9.99**. Wizz Air ha iniziato a volare da Catania nel 2009, e da allora ha trasportato più di 1.5 milioni di passeggeri da e per la città siciliana. Wizz Air è impegnata nello sviluppo del suo network e nel rendere I viaggi più accessibili ad un numero sempre maggiore di viaggiatori. Con l'esperienza maturata negli ultimi 16 anni in Italia offrendo servizi di…
E’ stata una delle prime aziende salentine ad avviare il conferimento dell’uva biondo oro, inondata dal sole, una importante realtà cooperativa con sede a Cellino San Marco (Br) che oggi conta un migliaio di soci e 2.500 ettari di vigneti adagiati tra le province di Brindisi, Lecce e Taranto e sei cantine. Accanto a quella principale di Cellino San Marco, ne ruotano altre cinque, tutte di proprietà: la ex-Produttori Agr. Di Cellino, la Riforma Fondiaria sempre di Cellino (1955), la cantina Sociale Angelini di San Pietro Vernotico (costituita nel 1961), la cantina San Gaetano di Lizzano (1959) e la cantina Riforma Fondiaria di Monteroni Arnesano (1960). Nella sede centrale di Cellino, di circa 45.000 metri quadri, si svolgono tutti i processi di vinificazione, invecchiamento, imbottigliamento e stoccaggio dei vini. La società, presente in 40 Paesi ha però i piedi ben piantati nel  Salento e la testa nel mondo grazie alla professionalità…
Il Ghiacciaio dello Stubai si trova in quella che è probabilmente una delle valli più belle delle Alpi per la sua autenticità che si riflette anche nella sua cucina. Nei ristoranti sul ghiacciaio, soprattutto nel ristorante gourmet Schaufelspitz, tra i tre ristoranti gourmet più alti del mondo, si punta sulla regionalità. E così in cima al Ghiacciaio dello Stubai, sulla bella e spaziosa terrazza solarium dello Schaufelspitz, gli appassionati di sport invernali possono aspettarsi piatti squisiti a base di prodotti provenienti da piccoli produttori locali della regione, talvolta esaltati da influenze internazionali. Anche la pasta si produce qui in un pastificio a 3000 metri che rifornisce tutti i ristoranti del ghiacciaio a km 0.SKI plus CITY Pass Stubai Innsbruck: alpino, urbano, semplicemente unico!Per la prima volta al mondo, è stata creata la perfetta combinazione di divertimento sulle piste e in città, che si distingue per la sua flessibilità e l'ampia…
Il 5 e il 6 settembre 2020, la rassegna di cultura enogastronomica torna per la seconda volta nella città emiliana. Immaginato più che mai come un evento in grado di valorizzare un intero territorio puntando sulle sue eccellenze enogastronomiche, Gola Gola Food and People torna a Piacenza per la seconda edizione. Il 5 e il 6 settembre 2020, la rassegna intende declinare il tema del cibo in molteplici dimensioni e allo stesso tempo offrire ai visitatori l’opportunità di tornare a vivere la Città con serenità, ma nel pieno rispetto delle norme di sicurezza. Ristoranti, bar, negozi, produttori e aziende agricole diventano protagonisti di un’iniziativa diffusa, che si dirama tra talk show, degustazioni e mercato delle specialità alimentari selezionate accuratamente nel segno della qualità. A essere coinvolte in quello che per due giorni diventa il cuore dell’area di Visit Emilia (www.visitemilia.com), saranno personalità della cultura a 360 gradi, chiamate a discutere di temi…

L’evento è sede di tappa del Grand Tour delle Marche dal 4 al 6 settembre, stimolante iniziativa a Cagli. Mastri pipai e maestri artigiani protagonisti di un fine settimana da vivere intensamente nelle Alte Marche, tra natura rigogliosa, grandi spazi per attività outdoor, accoglienza genuina e tanti piccoli sorprendenti incanti. Il Comune di Cagli (PU) celebra la Festa della Pipa con un’edizione speciale - la ventesima - denominata “Segnali di Fumo”, adeguata alle particolari esigenze di sto 2020. Un’iniziativa che da quest’anno entra a pieno titolo nel Grand Tour delle Marche in virtù della collaborazione attivata con l’Unione Montana del Catria e del Nerone. Indubbiamente la pipa è un’icona dell’italian style, capace di suscitare sempre grande curiosità. Realizzata con un sapiente lavoro manuale, è figlia di una tradizione sedimentata nel tempo che l’ha resa assoluta protagonista di momenti di relax, da soli o in compagnia. Il long weekend di Cagli inizia venerdì sera con un concerto per solo piano di Alessandro Petrolati, con musiche di Ludwig van Beethoven, programmato alle ore 21 nello splendido Teatro Comunale. Un tributo al grande compositore, nel 250° anniversario della nascita, anch’egli estimatore del nobile oggetto per il fumo. “La pipa italiana-Un patrimonio da valorizzare" è invece il focus con l’esperto scrittore Diego Morlin, fissato per sabato 5 settembre alle 18 nel Cortile di Palazzo Berardi Mochi Zamperoli. 
La caratteristica struttura urbanistica del centro storico di Cagli rappresenterà il palcoscenico privilegiato anche per la giornata clou di domenica, con oltre 30 espositori che, nelle scenografiche sale di Palazzo Berardi Mochi Zamperoli, illustreranno il variegato microcosmo della pipa. Nel cortile del palazzo, invece, si svolgerà un Master di altissimo livello con gli specialisti del Pipa Club Italia. Ma c’è dell’altro! Nel week end di Segnali di Fumo gli amanti della bici, accompagnati da esperti e dal Sindaco di Cagli, potranno cimentarsi in una comoda ascesa al Monte Petrano, sia con biciclette tradizionali che a pedalata assistita, per poi godersi al ritorno in città uno stuzzicante aperitivo con le tante prelibatezze che questo territorio esprime. Cagli è anche un irresistibile richiamo a soggiornare in strutture di “charme rurale” nei tanti B&B, agriturismi e ville con piscina, con speciali proposte formulate per l’occasione, tra escursioni a cavallo, aperitivi in terrazza panoramica e cene con chef privato per addentrarsi nella migliore cucina locale.
Il Grand Tour delle Marche è sviluppato dall’organizzazione di Tipicità insieme ad ANCI Marche, con la 
partnership progettuale di Banca Mediolanum e Mediolanum Private Banking. Programma e riferimenti per iscriversi alle attività di Cagli, nella piattaforma www.tipicitaexperience.it e sulla app ufficiale di Tipicità. 

INFO: 0734.277893 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pagina 1 di 51

Rivista mensile cartacea e Ipad - Newsletter quindicinale - Trasmissione tv - Eventi live

Tipicità e turismo enogastronomico, cucina del territorio, ristoranti e ristoratori, chef, vini e vigneron, hotellerie, itinerari turistici, trend di mercato, cultura e lifestyle.

Contatti

Degusta Srl
Via Francesco Cilea, 10
40141
Bologna (BO)
PI 03533051201
marketing@degusta.tv