Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso all'installazione di qualsiasi cookie clicca sul pulsante "Scopri di più". Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie

Vinitaly2018: Bubble’s ospite del Lambrusco Dop di Modena

Vinitaly2018: Bubble’s ospite del Lambrusco Dop di Modena

Nel 1862 la Gazzetta di Modena pubblica articolo sulla produzione del Lambrusco spumante Salamino e Sorbara:

prodotto nella versione spumante, pastoso e pieno, amabile e secco. Una originalità poco nota. Il Lambrusco, in oltre 150 anni ha tenuto alto il vessillo di una Italia enoica legata ai vitigni autoctoni, alle tradizioni e ai metodi antichi dei vini effervescenti. Gli Etruschi coltivavano la vite maritata agli alberi della pianura emiliana fino al Po, usando il mosto vivo fresco e acidulo per far rifermentare il vino invecchiato in botte e ottenere un vino spumeggiante da portare in tavola, anche molto speziato. Un metodo ancestrale e empirico che fu primordiale ai vari “metode champenoise”, classico, tradizionale, nato in queste terre emiliane. Nel medioevo i monasteri furono grandi produttori di vini effervescenti e spumeggianti come il Lambrusco, ben prima che in altri Paesi. La ricerca e la tecnologia hanno consentito di spingere in alto qualità, gusto, limpidezza, profumi senza eguali, mantenendo freschezza, salinità, asciuttezza. Il Lambrusco è il vino con la più alta impronta di aromi del frutto della passione, una griffe. Fu la prima bollicina ad atterrare a Londra già 50 anni fa, sia nei mega Market che nei ristoranti italiani di grido, come da Princi, da Locatelli, da Sartori, sia bianco che rosso. Oggi, prodotti con gli stessi processi dei grandi vitigni internazionali, meritano gli ottimi voti della selezione delle etichette 2017 di Bubble’s, grazie al mix  corposità acidula e sapore,  stimolano a riscoprire questa storia millenaria e vocazione spumantistica tradizionale, a Vinitaly lunedì 16 aprile alle ore 15,00 nel Padiglione 1  Emilia Romagna stand D1 con la degustazione guidata di 10 Lambrusco Spumante  esclusivamente metodo tradizionale (o che dir si voglia classico).

Nell’ordine i vini:

Rosé del Cristo 2013 Cavicchioli Lambrusco di Sorbara Doc; Lambrusco Rosé 2013 Cantina della Volta Lambrusco Modena; Ringadora 2015 Podere il Saliceto Lambrusco di Sorbara Doc; Quintopasso Rosé Cleto Chiarli Modena Doc; Grosso Lambrusco Paltrinieri Gianfranco Modena Doc; Elettro Rosè Lambrusco Villa di Corlo Sorbara Doc; Sigillo Cantina Divinja Lambrusco di Sorbara Doc; Bellei Francesco Cuvée Brut Rosso Lambrusco Sorbara Doc;  Intuizione 2015 La Piana Lambrusco Grasparossa di Castelvetro Doc. A completamento la presentazione di Bubble’s Italia Magazine a cura di Giampietro Comolli. Padroni di casa il presidente Claudio Biondi e il direttore Ermi Bagni del Consorzio tutela Lambrusco Dop.

 

Gianfranco Leonardi

Condividi sui Social

Submit to DeliciousSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Rivista mensile cartacea e Ipad - Newsletter quindicinale - Trasmissione tv - Eventi live

Tipicità e turismo enogastronomico, cucina del territorio, ristoranti e ristoratori, chef, vini e vigneron, hotellerie, itinerari turistici, trend di mercato, cultura e lifestyle.

Contatti

Degusta Srl
Via Francesco Cilea, 10
40141
Bologna (BO)
PI 03533051201
marketing@degusta.tv