Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso all'installazione di qualsiasi cookie clicca sul pulsante "Scopri di più". Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie

Coronavirus: la situazione

Coronavirus: la situazione

A due settimane dall’avvento del Covid-19 (Corona Virus Disease 2019) in Italia le restrizioni governative – annunciate dal capo della Protezione civile, Angelo Borrelli (commissario governativo per l'emergenza coronavirus) – dovute alla situazione “infetti”, le suddivisioni in “zone rossa e gialle”, i quotidiani aggiornamenti (al 29 febbraio scorso) con “ricoverati positivi (1049) – deceduti (29) – guariti (50) 4 sono della Liguria – se da una parte hanno ridimensionato le paure del primo momento (con razzia di mascherine, di flaconi di amuchina e assalti ai supermercati) dall’altra, hanno “bloccato” le normali attività sociali, dalla riduzione di orario di fabbriche e aziende commerciali, alla chiusura (ancora fino al prossimo 8 marzo) di scuole e università in Lombardia, Veneto e Emilia Romagna, alle frequentazioni ai bar, ristoranti, cinema e teatri, senza contare i trasporti, nella fattispecie aeroporti, stazioni ferroviarie e trasporti su gomma, con voli cancellati o posdatati e itinerari interrotti alle frontiere per controlli sanitari e di conseguenza crisi acuta in tutto il settore turismo; per finire con la situazione sport vari... e in particolare il "calcio"! Davvero un gran caos con partite giocate a porte chiuse o rimandate a data da destinarsi (...). Concludendo la breve disamina, a causa di ciò, il Ref Ricerche (società indipendente che affianca aziende, istituzioni, organismi governativi nei processi conoscitivi e decisionali) stima una diminuzione del Pil italiano compresa tra l’1% e il 3% nel primo e secondo trimestre 2020.
In Italia: i governatori di Campania e Marche rendono noti 6 tamponi faringei positivi (rispettivamente 4+2) mentre a Gorizia (Friuli Venezia Giulia) una persona risulta positiva. A Pavia, un giovane asintomatico, di origine pakistana, che doveva restare in quarantena nella sua abitazione in un comune della Lomellina, non ha rispettato la direttiva e si è recato al lavoro in un ristorante cinese del paese; i Carabinieri - subito intervenuti - gli hanno spiegato che non poteva allontanarsi da casa per evitare di contagiare altre persone. L'Ats di Pavia ha avviato controlli nel ristorante dove lavora. In Vaticano le forze di sicurezza anche  domenica hanno controllato i pellegrini uno alla volta col metal detector e garantito una distanza tra loro di diversi metri per evitare eventuali "droplets" (le goccioline da colpi di tosse e starnuti); gli addetti al momento non sono dotati di termo-scanner. Comunque è calata l’affluenza dei pellegrini in piazza san Pietro. Importante notare che ad oggi il numero dei "guariti" ha superato quello degli "infetti"! 
In Europa: in Germania i contagiati sono passati da 66 a 117, più della metà dei casi sono nella Renania settentrionale-Vestfalia, il “land” più popoloso, dove diverse scuole sono state chiuse. Quattro bambini che frequentano l’asilo dove insegna una maestra tedesca contagiata nei giorni scorsi, sono risultati positivi ai test e il turista tedesco che al ritorno da una vacanza a Selva di Val Gardena (in Alto Adige) con sette amici tedeschi che era stato trovato positivo al coronavirus, si era già infettato prima di partire e era tornato a casa proprio perché influenzato. Secondo caso ad Anversa (Belgio) sarebbe un paziente che avrebbe soggiornato in Francia; in Gran Bretagna, con gli ultimi 12 nuovi casi, sono 35 in totale i ricoverati, sei hanno viaggiato di recente dall’Italia e due dall’Iran, ma per uno che non ha effettuato viaggi in zone a rischio, le autorità stanno indagando per capire come possa avere  contratto il virus. In Francia 130 i casi confermati, 9 gravi (lì vietati gli eventi al chiuso con più di 5.000 partecipanti); settimo caso in Croazia, secondo in Belgio, mentre in Spagna sono confermati 73 casi e, nel Principato delle Asturie, contagiati lo scrittore Luis Sepulveda e la moglie Carmen Yanez. Con il cittadino italiano, che alloggiava in un hotel a Tenerife, messo in stato di isolamento, il totale dei casi attivi nelle Isole Canarie sale a 6 (cinque a Tenerife e uno a La Gomera); in Svizzera, due classi di un liceo in quarantena; primi casi positivi in Irlanda e Lussemburgo (persone che sono state in Italia). C'è un altro caso nel Principato di Monaco: oltre alla studentessa di 23 anni di Cannes, trovata positiva dopo un viaggio a Milano, anche un cinquantenne è risultato positivo al tampone ed è stato ricoverato all’ospedale di Archet a Nizza, il suo stato di salute non preoccupa. Il Santuario mariano di Lourdes (Pirenei francesi) per precauzione chiude le piscine (la stagione dei pellegrinaggi di gruppo ricomincerà il 5 aprile, domenica delle Palme). Il Museo del Louvre resta chiuso per richiesta dei dipendenti fino a lunedì 2 marzo. In Armenia primo caso: un cittadino recentemente rientrato da un viaggio in Iran (circa una trentina le persone che sono state in contatto con questo, sono state messe in isolamento). L’Azerbaigian ha chiuso il confine con l’Iran per due settimane. A Mosca, Anna Popova (capo del servizio di controllo per la salute dei consumatori) ha detto alle agenzie di stampa locali che i russi dovrebbero rimanere in patria per evitare di contrarre il virus. Intanto la Turchia – per voce del ministro della Salute di Ankara, Fahrettin Koca – ha tagliato tutti i collegamenti aerei a tempo indeterminato con l’Italia (così come per Corea del Sud e Iraq) rendendo impossibile alla squadra di basket Virtus Bologna (impegnata in Eurocup) di giocare contro il Darussafaka che, se così restassero le cose, vincerebbe a tavolino per la rinuncia (involontaria) dei bolognesi. 
Nel mondo a oggi sono ormai quasi 3 mila i morti per il coronavirus: in Cina 573 nuove infezioni e 35 vittime (i nuovi casi concentrati ancora nella città centrale di Wuhan) intanto 41625 pazienti sono stati dimessi (il 52% delle infezioni); in Corea del Sud i contagiati sono 3526 (quasi il 90% dei nuovi casi sono stati segnalati a Daegu) i decessi 17 e oltre 70 nazioni hanno annullato i viaggi verso il Paese; in Iran, secondo i dati ufficiali, 54 vittime e 978 infetti; prima vittima in Thailandia e primo caso in Repubblica Domenicana (è un italiano arrivato il 22 febbraio scorso); sesto morto in Giappone (potrebbe aver contratto il virus in ospedale).  In Pakistan sono arrivati a 4 i casi positivi, ma due di questi, già segnalati, stanno bene e uno sta per essere dimesso dall’ospedale. In Canada sono 16 i casi riscontrati: oltre che in Ontario, altri sono in British Columbia e nel Quebec. Negli USA, per ora effettuati solo 500 test (anche per l'alto costo dei tamponi) registrati 22 contagi e la prima vittima: una donna cinquantenne dello stato di Washington, inoltre, scuole pubbliche chiuse sulla costa del Pacifico per due presunti casi, uno a nord di Seattle (stato di Washington) e l’altro fuori Portland (in Oregon) dove sembrano essere stati contagiati uno studente e un dipendente. La Casa Bianca valuta possibili blocchi al confine con il Messico, mentre l’American Airlines ha sospeso fino al 24 aprile tutti i voli da e per Milano. Anche la Delta sospende tutti i voli per Milano fino all’1 maggio, come pure la compagnia low cost ungherese Wizz air che ha annunciato la sospensione del collegamento aereo Podgorica-Milano fino al 2 aprile.  Borse dei Paesi del Golfo Persico in caduta libera. Cancellato il gran premio di MotoGp del Qatar previsto a Losail dal 6 all’8 marzo. Primo caso in Ecuador: una cittadina di 70 anni che vive in Spagna, rientrata il 14 febbraio, è in prognosi riservata. Nell'isola di Réunion (oceano Indiano) nella mattina di domenica si sono verificati scontri tra polizia e manifestanti che non volevano fare sbarcare, per paura del coronavirus, i turisti della nave da crociera Sun Princess (battente bandiera britannica, proveniente dal Sudafrica). La nave, che era già stata respinta dal Madagascar, dopo la sosta, domenica sera salperà per Mauritius. In Arabia Saudita ingresso vietato per chi arriva dall’Italia. Il Kuwait ha invitato i suoi cittadini a evitare di viaggiare. In questo bailamme, almeno una nota positiva: la Nasa ha compiuto dei rilevamenti satellitari e le immagini hanno mostrato in Cina un enorme calo dei livelli di inquinamento dovuti, almeno in parte, al rallentamento economico provocato dal coronavirus… 

(GfL)

         

Condividi sui Social

Submit to DeliciousSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Rivista mensile cartacea e Ipad - Newsletter quindicinale - Trasmissione tv - Eventi live

Tipicità e turismo enogastronomico, cucina del territorio, ristoranti e ristoratori, chef, vini e vigneron, hotellerie, itinerari turistici, trend di mercato, cultura e lifestyle.

Contatti

Degusta Srl
Via Francesco Cilea, 10
40141
Bologna (BO)
PI 03533051201
marketing@degusta.tv