Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso all'installazione di qualsiasi cookie clicca sul pulsante "Scopri di più". Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie

L’ORO DI STORO, 40 VIP SVELANO IL LORO PIATTO DI POLENTA

L’ORO DI STORO, 40 VIP SVELANO IL LORO PIATTO DI POLENTA

Giampietro Comolli, agronomo, gastronomo ed economista della vite e del vino, in occasione di questo volume lancia un monito su cui riflettere: “la polenta è il primo piatto culturale: le ricette esaltano la bio diversità regionale italiana”. Sulla scia di tanta importanza e riflessione, ed in occasione dei festeggiamenti dell’Oro di Storo, é nato un libro, dedicato sì alla famosa polenta trentina, ma di fatto capace di elogiare tutta la polenta italiana. La V^ edizione del Festival della polenta di Storo  è stata l’occasione per presentare quindi un libro di piatti e ricette destinato a diventare un riferimento. Il libro presenta alcuni testi introduttivi che portano il lettore dentro il mondo, semplice ma diversificato, della storia della polenta, storia di Agri’90 che è la vera artefice del successo di Storo e del granoturco Nostrano, di scrittori come Giuliano Beltrami e Emanuele Mussi.  Vigilio Giovannelli, storico fondatore, pervicace comandante e attuale presidente di Agri’90, è molto chiaro: “ un volumetto utile e agile per le cucine degli italiani nel riscoprire ricette della nonna che sono molto attuali, ma anche per conoscere la biodiversità a tavola della farina gialla di Storo, dai biscotti alle torte dolci, dalle gallette salate ai pani e panettoni. Regina e madre, oggi la polenta è diventata il motore e la vita di un territorio di montagna che veniva abbandonato. Agri’90 è servita anche per mantenere giovani in montagna…e farne tornare diversi a lavorare, a vivere, a fare famiglia, a fare impresa insieme. Questo è il più bel successo di Agri’90”.  Interessanti e utili i testi di Giuliano Beltrami che racconta come una intera valle si dedichi alla coltivazione del granoturco e alla produzione di tutti i derivati alimentari creando il re, la regina, gli eredi e i cortigiani di una farina giallo-oro inconfondibile. La pannocchia, la varietà Marano o Maranello ma detta Nostrano, stretta e corta, dai granelli piccoli, molto duri, compatti e di un colore rosso-aranciato vivo siano il simbolo e l’icona dell’intero territorio, una valle dalla storia antica, di passaggio e transumanza, di tanti popoli che hanno portato contaminazione, scambi. “L’Oro di Storo” è il primo libro che dedica 40 straordinarie ricette alla farina gialla di Storo, e a qualche alta farina gialla sparsa per l’Italia. un primo ricettario nazionale che fa scoprire come la polenta non è più un piatto povero, anzi, grazie a cuochi stellati come Dino Merlin o Alessandro Gilmozzi, è diventato un piatto unico, completo, ricco, da buon gustai e indicato anche per i vegetariani, vegani e a chi non ama il glutine. Ci sono ricette di maestri cuochi polenter trentini ma anche di giornalisti, personaggi e attori dello spettacolo “amici di Storo” e, gelosi e golosi, della propria ricetta di polenta, in primis Anna Pesenti Bonassisi che presenta una ricetta con le verdure del suo orto totalmente vegetariana che piaceva a Vincenzo Bonassisi uno dei primi gourmet-gourmand esperti, Gianluigi Veronesi con i cordoni fritti di mortadella e formaggio, Gian Paolo Galloni già direttore Guida Michelin  con i bastoncini-chips dei ritagli avanzati, Anna Barbieri Bergonzi con la famosa e complicatissima lepre in salmì su polenta schietta che piaceva allo zio Enrico Fermi, Raffaella Carrà e la sua polenta zucca e formaggi vari,   Mara Venier punta tutto da buona veneziana sul bacalà, Albano Carrisi svela la sua Puglia con pomodori e salsiccia, Maria Teresa Ruta con un fragrante panino polentino con l’uovo di gallina, “Tinto” Prudente di Decanter Rai2 con il classico intingolo di porcini freschi,  Bruno Gambacorta con besciamella, radicchio e pomodori,  Sveva Casati Modignani con  il semplice condimento solo di burro e parmigiano, Aba Cercato propone l’arrosticino di polenta con tartufo, Bruno Pizzul punta dritto a farina, acqua e sale e basta, Enzo Cattaruzzi si diletta con la “cuinciade friulana”,  Massimo Giletti è per un classico lombardo al Gorgonzola,  una ricetta del grande Gianni Brera raccontata a pochi e fatta spesso da Franco Colombani, come pure la passione per la polenta del grande artista-architetto Michelangelo che si faceva in casa di Gualtiero Marchesi a San Zenone e la famosa polenta e ragù, piatto imperiale prediletto dell’alta nobiltà emiliana-toscana di qualche secolo orsono. Infine l’hamburger pasticciato con il formaggio duro Bianco d’Italia, senza caglio animale, improvvisato da Giampietro Comolli.   La realizzazione di questa prima edizione è stato possibile grazie al contributo del Consorzio BIM valle del Chiese, del Bacino imbrifero Montano, della Comunità delle Giudicarie e di Serena Star che commercializza le tipicità alimentare del Chiese. Un contributo importante anche dai fotografi di VisitChiese, Sai Storo e diversi fotografi.

Condividi sui Social

Submit to DeliciousSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Rivista mensile cartacea e Ipad - Newsletter quindicinale - Trasmissione tv - Eventi live

Tipicità e turismo enogastronomico, cucina del territorio, ristoranti e ristoratori, chef, vini e vigneron, hotellerie, itinerari turistici, trend di mercato, cultura e lifestyle.

Contatti

Degusta Srl
Via Francesco Cilea, 10
40141
Bologna (BO)
PI 03533051201
marketing@degusta.tv