Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso all'installazione di qualsiasi cookie clicca sul pulsante "Scopri di più". Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie

News

News

News dal network Degusta

Fiorenzo Ascolese è tra i 10 vincitori delle Selezioni Italiane Sud, la prima tappa del concorso internazionale sul lievitato per eccellenza.A Reggio Calabria, nella splendida cornice del Teatro Francesco Cilea, sabato 31 ottobre, i giurati hanno valutato e degustato con attenzione tutti e 30 i panettoni in gara, decretando poi solo 10 vincitori.Ora si vola verso l’ultima prova del concorso, la finale italiana, che si terrà a Milano il prossimo febbraio 2021, dove il pastry chef Fiorenzo Ascolese rappresenterà la Campania insieme ai suoi colleghi Angelo Grippa, Raffele Vignola, Salvatore Tortora e Giuseppe Mascolo.“I prodotti sono stati di un buon livello, valutarli è stata una sfida e non sempre è stato facile” il commento dei giurati.Nella giuria solo grandi nomi: Nino Rossi, chef stellato; Beniamino Bazzoli, Maestro lievitista; Gaetano Mignano, Campione del mondo Coppa della Gelateria;  Beppe Leotta, Presidente Conpait Sicilia, Rocco Scutellà, Maestro pasticcere AMPI; Giuseppe Russi, Campione del…
Nel Poggiogirato di Poggio della Dogana ci sono tutte le sfumature della Romagna: al naso e in bocca rivela un caleidoscopio di profumi e aromi, dalla ciliegia alle more, dall’arancia al mirtillo, dalla menta al rosmarino, il ginepro e il pepe nero. Il vino ideale per un pranzo in famiglia, capace di essere l’abbinamento perfetto anche con piatti di cacciagione, arrosti e frattaglie. Oppure semplicemente per accompagnare la lettura di un libro accanto ad un caminetto acceso.Poggiogirato è un Romagna Sangiovese Superiore Riserva prodotto a Castrocaro Terme, in località “le Volture”, da vigneti di Sangiovese di 15 anni di età con 5000 piante per ettaro, allevati a cordone speronato e dislocati a quota 200 metri s.l.m. La resa per ettaro è di 5000 kg/ettaro, ossia 1 kg per pianta. Per quanto riguarda la vinificazione, le uve Sangiovese vengono raccolte assieme e fermentate in uvaggio. La fermentazione e la successiva macerazione sulle…
Al via il 5 dicembre la stagione invernale della Marmolada con la riapertura della funivia Move To The Top che da Malga Ciapèla conduce ai 3.265 m di Punta Rocca. Sci, cultura e panorami mozzafiato sulla Regina delle Dolomiti per vivere un inverno in piena sicurezza che garantisce divertimento e relax nel massimo rispetto delle normative, evitando code e assembramenti tra impianti e strutture. In Marmolada l’inverno ha già dato il suo benvenuto con la prima neve fresca, preannunciando una nuova stagione sugli sci che porta in serbo anche qualche novità. La riapertura della funivia Marmolada Move To The Top, prevista per il 5 dicembre (condizioni Covid e neve permettendo), riporterà in quota gli appassionati della montagna tra la pista più lunga del Dolomiti Superski, il circuito del Sellaronda e l’area sciistica del Padon che quest’anno può contare su un secondo Skilift ampliando l’offerta per le famiglie e i bambini. Inoltre,…
Il tema del 2020 è risultato complesso e allo stesso tempo ambizioso, che ha richiesto un dispendio enorme di energie e che ha comportato un processo organizzativo già dall’inizio del 2019. Per ricreare il mondo fantastico, ma reale, che ha costituito il palcoscenico del tema 2020, Sonia è stata aiutata da amici e conoscenti alla ricerca nei solai di giochi d’epoca originali dei primi anni del Novecento, balocchi di una volta con i quali ci si divertiva sia da soli sia in gruppo: dalle bambole in porcellana agli aeroplanini in legno, dalle macchinine a pedali ai cavallucci a dondolo, dalle trottole ai carillon. Una memoria di tali bei momenti che hanno permesso di crescere giocando con la fantasia. Sonia ha studiato ogni dettaglio, andando alla ricerca di vecchie stoffe di una volta - voile con incantevoli ricami, velluti a coste, tessuti ricamati - per realizzare, a regola d’arte da sarte esperte, gli abitini di un tempo indossati durante…
E’ il piacere di raccontare che diventa nel lettore piacere di leggere. Almeno questo è ciò che nutro nella mente e che spero si traduca in cruda realtà ogni volta che mi accingo a scrivere qualcosa. Poi magari chi mi sta leggendo dopo poche righe molla il tutto, forse perché non sono stato in grado di catturare la sua attenzione, o forse solamente perché leggere su di un foglio elettronico è diverso dal sentire il profumo della carta; o più probabilmente perché non sono capace di scrivere. Ma ci tento lo stesso, lo faccio sempre con amore e sincerità, con passione e rispetto per gli argomenti che tratto. Come in questo momento, mentre la pioggia scandisce il tempo e i ricordi si fanno strada nella memoria rievocando piacevoli attimi di un soggiorno trentino. E’ in quella piccola regione che c’è una valle che ogni volta che la vedo mi dona…
Il direttore scientifico del Gruppo Monti Salute Più, Antonio Monti, onde evitare eventuali malintesi che potrebbero indurre i più a credere che le nuove misure di contenimento dell’epidemia da Covid19 sanciscano la chiusura delle terme, commenta con queste parole:“Tutti i centri termali del Gruppo Monti Salute Più continuano ad operare e ad erogare i propri servizi in totale sicurezza, così come l’intero sistema termale italiano. Il nuovo decreto infatti prevede espressamente che gli stabilimenti termali muniti di presidio sanitario possano continuare ad offrire i propri servizi. A mio avviso si tratta di un riconoscimento estremamente importante che sancisce le condizioni di sicurezza in cui operano le aziende termali italiane, con protocolli rigorosi, anche grazie alla presenza del personale medico e sanitario. A questo proposito, mi sento in dovere di lanciare un appello a tutti gli operatori dell’informazione, affinché sia riportato correttamente il contenuto del nuovo “DPCM” del Presidente del Consiglio dei ministri”.Il Gruppo Monti Salute Più,…
Mi è successo. Si, è capitato che qualcuno mi abbia chiesto se quando scrivo ho in testa un determinato pubblico, io rispondo sempre di no, ma in realtà spero che siano tante le persone che attraverso le mie parole possano trarre spunto per un viaggio, una cena, un attimo di spensieratezza. E’ fondamentalmente per questo motivo che cerco sempre di offrire i lati positivi dei miei viaggi, raccontando quanto di buono e di bello il nostro paese possa proporre. Atmosfere, colori, profumi, sapori, sorrisi: null’altro. Come oggi che vi racconto di quando arrivai sulla statale che collega Sava con Manduria in provincia di Taranto e presi alloggio presso Regia Domizia. E’ un posto molto bello con grandi spazi verdi, una bellissima piscina e tutti i requisiti per un piacevole soggiorno. Non cenai in hotel ma mi recai a Sava per gustare la buona pizza di Silvio Buttazzo. Membro dell’Accademia Nazionale…
Esposizione della Copia della Sindone e conferenza su “Il culto della Sacra Sindone e i Cavalieri Templari di Ieri e di Oggi” il 15, il 22 e il 29 ottobre p.v. alle ore 18,00 (subito dopo la santa messa delle 17,00) nella basilica di San Giacomo Maggiore in via Zamboni a Bologna, con relatore Mauro Giorgio Ferretti, presidente dell'Associazione Templari Cattolici d'Italia nonché Magister dell'Ordo Equester Templi.  La basilica di San Giacomo Maggiore fu fondata sotto le 2 Torri nel 1267 come chiesa dell'ordine degli Agostiniani. E’ nota anche perché al suo interno si trova la cappella Bentivoglio, splendida architettura di metà Quattrocento, ricca di opere d'arte rinascimentali. ­Ogni anno il 22 maggio, nella chiesa di San Giacomo Maggiore si celebra una grande festa in onore di Santa Rita da Cascia, patrona dei casi impossibili e delle donne infelicemente maritate.Come è noto, si ritiene che la Sindone abbia avvolto il…
Per il Covit19, il mondo della ristorazione, impone limitazioni come posti calmierati e distanziati: a Bologna, al “Vagh in ufezzi” (vado in ufficio, in dialetto petroniano) ristorante in via De’ Coltelli (quartiere Santo Stefano) i titolari, Antonella De Sanctis e Mirco Carati, hanno dovuto ridurre i coperti da 30 a 12 e, per sopperire all’inevitabile dimezzamento delle “entrate”, hanno ideato un menù collegato all'orologio: per il momento c'è un turno da un'ora (che costa 18 euro, vini esclusi) o da due ore (in offerta 26 euro). In questo lasso di tempo il cliente può mangiare a volontà, con bis e tris. Niente di stravolgente, ma quando scadono i minuti concordati, si deve lasciare il posto a chi sta aspettando. Proprio come accadeva all’inizio del secolo scorso, sempre a Bologna, in via del Ghiton, al Pratello, dove c’era un’osteria in cui si mangiavano fagioli “a ore” con tanto di cucchiai incatenati…
E’ disponibile la proposta enogastronomica in una guida facilmente consultabile, strutturata da Cortina Marketing in collaborazione con gli operatori del territorio, per orientarsi tra i piaceri del palato a Cortina.A Cortina l'appuntamento con la buona tavola è una tentazione costante: una tentazione a cui è bello abbandonarsi specialmente dopo l’attività all’aperto, che permette di godere dei peccati di gola senza troppi sensi di colpa.Il desiderio di Cortina Marketing è valorizzare i sapori unici e la lunga esperienza enogastronomica ampezzana, grazie al lavoro di squadra tra gli operatori del territorio, Deborah Maran, laureata in Economia internazionale presso l'Università di Trieste, Chiara Costa, referente del progetto e l’intero staff dell'ente di promozione di Cortina.Il progetto partirà dalla raccolta di informazioni e spunti offerti dagli stessi professionisti del settore a Cortina, per giungere all’organizzazione finale dei contenuti in una guida in grado di agevolare il turista – ma non solo – nella scoperta…
Il capoluogo della Sassonia è così vicina e ben connessa ai suoi verdi dintorni che basta poco per passare dalle vie più cult del centro storico ai sentieri del Parco Nazionale della Svizzera Sassone. Questo salto nella natura o viaggio breve fuori Dresda si arricchisce strada facendo grazie una varietà unica di attrazioni, come il villaggio di Schmilka, il castello di Hohnstein , il parco del castello di Pillnitz, i vigneti secolari di Wackerbarth e molto altro. Di ampio “respiro” anche l’offerta all’aria aperta dentro e fuori la città di Lipsia. A spasso per Dresda, città storica e di tendenzaRelativamente piccolo ma ad alto concentrato di bellezze, bastano pochi sguardi per avere un ricordo indelebile del centro storico di Dresda. Dalla Semperoper alla Frauenkirche, passando per il Palazzo Reale e lo Zwinger, spostarsi a piedi qui è come trovarsi in un museo a cielo aperto, pervaso ad ogni angolo dai…
Da un’idea di Vittorio Sgarbi: "L’arte contemporanea è in divenire, quindi non ce n’è una, non ce n’è un aspetto soltanto. Il contemporaneo è infinitamente esteso."  Tutta l’arte è contemporaneaIl rapporto tra antico e contemporaneo è al centro dell’indagine della nuova stagione del Mart di Rovereto, programmata dal presidente Vittorio Sgarbi.  Il nuovo palinsesto del Mart attraversa i secoli. I maestri classici e moderni dialogano tra loro e con le opere di una collezione pubblica tra le più ricche d’Europa. Alla ricerca delle connessioni tra la storia, i grandi classici e i linguaggi del XX secolo, il Mart pone a confronto epoche distanti, offrendo nuove stratificate letture dell’arte italiana. Questo tipo di proposta espositiva, basata su confronti e parallelismi, è una delle cifre stilistiche del museo di Rovereto che già nel 2013 proponeva una straordinaria mostra su Antonello da Messina, a cura degli studiosi Ferdinando Bologna e Federico De Melis. Per l’occasione,…
Pagina 4 di 54

Rivista mensile cartacea e Ipad - Newsletter quindicinale - Trasmissione tv - Eventi live

Tipicità e turismo enogastronomico, cucina del territorio, ristoranti e ristoratori, chef, vini e vigneron, hotellerie, itinerari turistici, trend di mercato, cultura e lifestyle.

Contatti

Degusta Srl
Via Francesco Cilea, 10
40141
Bologna (BO)
PI 03533051201
marketing@degusta.tv