Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso all'installazione di qualsiasi cookie clicca sul pulsante "Scopri di più". Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie

Gianfranco Leonardi

Notizie in evidenza

Gianfranco Leonardi

Gianfranco Leonardi

Il progetto L'Europa delle Scienze e della Cultura presenta ESOF2020 a Russi (RA)  Il Cammino di Dante

ESOF2020,EuroScience Open Forum è la più rilevante manifestazione europea focalizzata sul dibattito tra scienza, tecnologia, società e politica. Creato nel 2004 dall’associazione no-profit EuroScience, il forum ogni due anni offre un’opportunità unica di interazione e dibattito tra scienziati, innovatori, politici, imprenditori, operatori della comunicazione e cittadini. Trieste è stata nominata Città Europea della Scienza 2020 e ospiterà la nona edizione di ESOF.

esof_GDB.png

La rete internazionale Borghi d'Europa, nel quadro del progetto L'Europa delle scienze e della cultura, patrocinato da ESOF2020 e dalla IAI (Iniziativa Adriatico Jonica,Forum Intergovernativo per la cooperazione regionale nella Regione Adriatico Jonica), propone un percorso informativo sui temi della sostenibilità,toccando i borghi e i territori coinvolti nelle iniziative di informazione.
L'incontro di informazione in Romagna si è tenuto presso la Trattoria da Luciano (Bottega Storica) a Russi, dove Borghi d'Europa sviluppa un ambizioso progetto di conoscenza e valorizzazione sotto il Patrocinio della Civica Amministrazione.
Al centro dell'incontro i temi della Mobilità Dolce, con l'intervento di Oliverio Resta, Presidente de Il Cammino di Dante.
Il Cammino di Dante è il primo viaggio organizzato attraverso i sentieri e le vie medievali che univano la Romagna e la Toscana percorse dal Sommo Poeta ai tempi del suo esilio, periodo in cui scrisse la Commedia.
Il percorso vuole riscoprire le antiche vie che collegano le due città di nascita e di morte del Poeta e valorizzare la figura di Dante accompagnando il viandante in un percorso non solo culturale e naturalistico ma anche letterario.
“Gli itinerari che abbiamo individuato si snodano quindi attraverso quei luoghi del territorio Tosco-Romagnolo citati nella Commedia, o direttamente vissuti dal Poeta durante i suoi anni di esilio. I sentieri che compongono gli itinerari, nella maggior parte dei casi, sono percorsi “in cresta” utilizzati sin dal basso medioevo, fino allo sviluppo dell’attuale rete viaria risalente alla fine dell’800. A tratti questi sentieri medievali coincidono con antiche strade etrusco-romane, facilmente riconoscibili dai tipici selciati.Sono previsti passaggi attraverso strade più recenti laddove necessario il raccordo tra i vari punti di interesse. Il cammino è comunque organizzato per ridurre al minimo (max. 3%) il passaggio da strade asfaltate. Il percorso si sviluppa attraverso un anello di circa 400 Km congiungendo la Romagna e il Casentino, per un totale di 20 tappe fisse, da percorrersi in senso antiorario. I due estremi del percorso – punti di partenza e arrivo – sono rappresentati dalla Tomba di Dante a Ravenna e il Museo Casa di Dante a Firenze.
Il Cammino di Dante non è quindi solo un percorso di trekking, ma anche un percorso culturale, artistico, filosofico e spirituale tra Ravenna e Firenze. La Divina Commedia nasce in questa dimensione, intrisa di personaggi, fauna, castelli, paesaggi, e dei dubbi che ogni uomo si pone attraverso un cammino, relazionandosi con il proprio sé. Molto di questa dimensione è rimasto intatto; altro è poeticamente ricostruibile, o ripercorribile con le stesse difficoltà e bellezze stimolanti dell’epoca medievale, mantenendo inalterate le suggestioni che hanno accompagnato passo dopo passo un uomo sensibile di quell’epoca, la cui creatività emergeva con prepotenza nei tratti più suggestivi del percorso, spesso testualmente citati nella Divina Commedia stessa.
Attraverso il Cammino di Dante riscopriamo i meravigliosi paesaggi della Romagna e del Casentino: riviviamo i fasti dei Conti Guidi e dei loro castelli ricchi di storia e di misteri, ci bagnamo nelle acque dolci e limpide dell’Acquacheta, ammirando la maestosa e sconosciuta bellezza delle foreste Casentinesi e respirando l’aria fresca e tersa dei suoi Eremi,dove l’uomo ritrova se stesso e la sua spiritualità più intima.”

BORGHI D’EUROPA NELLA TERRA DELLA LIBERTA’

Borghi d’Europa ha intervistato Federico Pedini Amati, Segretario di Stato per il Turismo, Poste, Cooperazione ed Expo, per analizzare quali siano le opportunità di ripresa delle attività turistiche nella Repubblica.

Federico_Pedini_Amati_Segretario_di_Stato_per_il_Turismo_Poste_Cooperazione_ed_Expo.png

“San Marino - ci ha risposto – è stato uno dei Paesi più toccati dalla pandemia. Tuttavia, come sempre è avvenuto nei momenti tragici della sua storia, grazie all’unità dei cittadini, che hanno seguito ordinatamente le disposizioni della Segreteria di stato per la Sanità, ha saputo fronteggiarla adeguatamente. Per merito poi all’ottima organizzazione sanitaria è stato quindi possibile in relativamente poco tempo divenire un Paese a 0 decessi,0 ricoverati,0 contagi.Sono quindi certo che in poco tempo il Paese riprenderà il suo appeal turistico, grazie alla sua storia di libertà che dura da più di 1700 anni e alle sue caratteristiche di Paese sicuro, attraente ed ospitale.
Questo grazie anche al nutrito calendario di manifestazioni, prontamente ricalendarizzate, come “San Marino Comics 2020 (28-29-30 agosto) e la prima edizione di Ace Jazz Festival San Marino (dal 18 luglio al 22 agosto). Saranno eventi “a bassa densità” di pubblico per il distanziamento sociale, ma ad “alta intensità” di interesse grazie ai protagonisti.
Il turismo (che rappresenta il 25% del PIL della Repubblica) certamente ripartirà, grazie alle caratteristiche uniche di questo Paese, che per di più si trova incastonato tra territori italiani bellissimi: la Romagna, le Marche e la Toscana. Nel 2019 San Marino è anche entrato nella IAI (Iniziativa Adriatico-Jonica).
Borghi d'Europa sviluppa sotto il Patrocinio della IAI e di ESOF202,Trieste Città Europea della Scienza, il progetto 'L'Europa delle Scienze e della Cultura', che darà ampio spazio informativo alla Repubblica di San Marino. In particolare sono previsti degli interventi a Trieste, quando si svolgerà ESOF2020.
Ma per conoscere San Marino non basta studiare la Storia, bisogna vederne i paesaggi unici, ammirare i suoi tesori artistici e degustarne i prodotti gastronomici ed enologici ed infine conoscere la cordialità espansiva (benché frenata per le necessità di distanziamento sociale)e l’ospitalità unica di questa terra”

“Il Consorzio Tutela Lambrusco” è cosa fatta!

Un’operazione storica che, con 1 milione e 200 quintali di uve del territorio emiliano, rafforza immagine e promozione soprattutto a livello internazionale”.
La storica fusione dei tre consorzi in un unico consorzio per la tutela del Lambrusco, dal prossimo anno unirà le piccole aziende a respiro locale con le più grandi a target internazionale, di Reggio Emilia, Modena e Bologna.  La fusione tra “consorzio di Tutela del Lambrusco di Modena”,  “consorzio per la Tutela e la Promozione dei Vini Dop Reggiano e Colli di Scandiano e di Canossa” e il “consorzio di Tutela Vini del Reno Doc”. “E’ un risultato storico” – ha commentato l’assessore regionale alla Agricoltura e Agroalimentare, Alessio Mammi – 
Nascerà in questo modo un soggetto che rappresenterà più di 1 milione e 200 quintali di uve del territorio emiliano, con una rilevante preponderanza di Lambrusco che così tutto unito diventa più forte: scelta intelligente e lungimirante per la tutela e per la promozione di uno dei vini “biglietti da visita” dell’Emilia Romagna e dell’Italia nel mondo. La volontà di unificare le forze per condividere intenti comuni e in particolare la promozione internazionale, porta ad un risultato storico, importante per tutto il territorio. 
Giacomo Savorini - direttore del Consorzio Vini Colli Bolognesi e di quello del Pignoletto, sarà deputato a guidare anche il Consorzio di tutela del Lambrusco di Modena: “Il Lambrusco è indubbiamente, nei numeri, uno dei vini immagine dell’Italia. È un grande universo rappresentato da differenti vitigni, territori e colori. Questa diversità, che ci contraddistingue e rappresenta, dobbiamo trasformarla anche in una grande ricchezza per tutti i produttori che contribuiscono a renderla viva ogni giorno. Penso che questo primo passo verso un unico soggetto consortile a tutela del Lambrusco a Denominazione di Origine Controllata ci consenta di poter raggiungere, finalmente, l’obiettivo di poterci rivolgere, agli occhi del consumatore finale, in modo coeso e uniforme, valorizzando ancora meglio le singole ricchezze delle diverse denominazioni”.
Ringraziamenti di Mammi per i presidenti Claudio Biondi, Ivan Bordot e Davide Frascari, assieme ai rispettivi consigli di amministrazione con l’auspicio di decidere di intraprendere questo percorso complesso, ma allo stesso tempo utile e strategico per il grande Lambrusco, con la convinzione di trarne ottimi risultati.
Prossimo passo, tra due mesi, interrogare i relativi consorzi in merito alla fusione per incorporazione e a settembre convocazione di un’assemblea plenaria sovrana che dovrà definitivamente sancire l’intera operazione.

XIV edizione di Mangirò, a Monghidoro

Dal 5 all’11 luglio per 40 partecipanti a giornata sarà possibile partecipare a uno degli eventi estivi più belli del nostro Appennino. Da 13 anni, nella prima domenica di luglio, quando i campi di grano sfoderano il loro colore più intenso, il Forno di Calzolari organizza Mangirò, una straordinaria passeggiata mangereccia di circa dodici chilometri, attraverso i boschi di Monghidoro e dintorni, costeggiando ruscelli e piccoli borghi nello splendido contesto dell’Appennino Tosco-Emiliano. Partendo dalla bottega storica, nonché laboratorio di Monghidoro, nel centro del paese, si attraversano località, borghi e frazioni della zona, per concludere nel campo de La Piana. Segno distintivo dell’evento è la partecipazione dei più rinomati chef del panorama ristorativo bolognese (e non solo) che, assieme ai migliori produttori del settore agro-alimentare, offrono ad ogni tappa ricercate creazioni culinarie ai partecipanti. Il punto di partenza per ogni piatto degli chef è il pane realizzato con farine di grani antichi del Forno.  
La quattordicesima edizione si farà in una veste diversa, quasi teatrale. Quest’anno, infatti, Mangirò sarà replicato come un grande spettacolo, per 7 volte, da domenica 5 a sabato 11 luglio dalle 11 alle 17, per un numero massimo di 40 partecipanti a giornata. Il pubblico sarà suddiviso in piccoli gruppi condotti da guide certificate. Ogni tappa sarà allestita secondo il protocollo AIGAE, il Protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19, in relazione allo svolgimento in sicurezza degli esercizi di somministrazione alimenti, bevande e attività di asporto e consumo in Emilia-Romagna.
Hanno confermato la loro adesione Max Poggi (Massimiliano Poggi Cucina), Mario Ferrara (Trattoria Scaccomatto), Matteo Aloe (Berberè pizzeria) e tanti altri. Non mancheranno momenti di intrattenimento e di riflessione attorno a uno dei cibi più antichi prodotti dall’essere umano.
Sarà possibile iscriversi e pagare la quota di adesione (30 euro per gli adulti e 15 euro per i bambini) direttamente dal sito acasatua.fornocalzolari.it a partire dal 19 giugno, oppure recandosi in uno dei punti vendita di Forno di Calzolari: sia nella sede storica a Monghidoro (via del mercato 2) o in una delle sedi a Bologna in via delle Fragole 1, in Via Andrea Costa 121, all’interno di Fico Eataly Word e all’interno del Mercato di Mezzo in via Clavature 12.

FORNO MONGHIDORO
Negozio e laboratorio
Via del Mercato, 2 - Monghidoro
Tel. 0516555292 

COSTA
Via Andrea Costa, 121
Bologna
Tel. 0516143118   

FRAGOLE
Via delle Fragole, 1
Bologna
Tel. 051443401

MERCATO DI MEZZO
Via Clavature, 12
Bologna
Tel. 3295770070

 FICO Eataly World
Via Paolo Canali, 8
Bologna
Tel. 0510029235

WIZZ AIR annuncia ulteriori nuovi voli dall'Italia

Wizz Air, la compagnia aerea più verde e in più rapida crescita in Europa* ha annunciato oggi 4 nuove rotte dall’Italia. La compagnia a partire da luglio renderà operative 3 nuove rotte per Odessa in Ucraina, rispettivamente da Milano Malpensa, Bologna e Roma Fiumicino e infine una nuova rotta da Malpensa per Creta.  I biglietti per tutte le nuove rotte possono essere già acquistati su wizzair.com o sulla app della compagnia a partire da  EUR 19,90**.  Wizz Air si sta dedicando allo sviluppo del suo network per offrire grandi opportunità ai suoi passeggeri per programmare viaggi accessibili. Forte della sua esperienza nel fornire servizi di qualità a tariffe basse in Italia, la compagnia è fiduciosa che con l’istituzione delle 4 nuove rotte porterà maggior crescita economica nel Paese, sviluppando ulteriori collegamenti tra l’Italia e altri paesi europei e offrendo accessibili ed entusiasmanti opportunità di viaggio ai suoi passeggeri.  La bellissima città portuale di Odessa in Ucraina, coi suoi palazzi ottocenteschi e il romantico lungomare è una destinazione particolarmente interessante per immergersi nella storia del paese pur fruendo delle sue meravigliose spiagge alla moda. L’isola di Creta invece, una delle splendide perle del Mediterraneo, attrarrà i visitatori per l’archeologia e il mare, i cui tramonti vengono immortalati ogni anno da migliaia di fotografi.  
Wizz Air è una compagnia aerea con rating creditizio investment grade, con una flotta di età media di 5,4 anni composta dagli aeromobili a corridoio singolo più efficienti e sostenibili attualmente disponibili della famiglia Airbus A320 e Airbus A320neo. Le emissioni di anidride carbonica di Wizz Air sono state le più basse tra le compagnie aeree europee nell'anno fiscale 2019 (57,2 gr / km / passeggero). Wizz Air ha il più grande portafoglio ordini di 267 aeromobili della famiglia Airbus A320neo all'avanguardia che consentirà alla compagnia aerea di ridurre ulteriormente il proprio impatto ambientale del 30% per ogni passeggero fino al 2030. L'annuncio di oggi arriva quando la nuova era dei viaggi sanificati inizia in Wizz Air. La compagnia aerea ha recentemente comunicato una serie di misure igieniche avanzate, per garantire la salute e la sicurezza dei suoi clienti e dell'equipaggio. Come parte di questi nuovi protocolli, durante il volo  l'equipaggio e i passeggeri devono indossare mascherine e l'equipaggio deve anche indossare i guanti. Gli aeromobili di Wizz Air sono regolarmente sottoposti ad un processo di nebulizzazione con una soluzione antivirale e, seguendo il rigoroso programma di pulizia giornaliera di WIZZ, tutti gli aeromobili della compagnia aerea vengono ulteriormente disinfettati durante la notte con la stessa soluzione antiviraleLe salviettine igienizzanti sono consegnate a ciascun passeggero al momento dell'ingresso nell'aeromobile, le riviste di bordo sono state rimosse  e gli acquisti a bordo sono incoraggiati ad essere effettuati mediante pagamento contact-less. I passeggeri sono tenuti a seguire le misure di distanziamento sociale introdotte dalle autorità sanitarie locali e sono incoraggiati a effettuare tutti gli acquisti online prima del volo (ad es. bagaglio registrato, WIZZ Priority, corsia preferenziale di sicurezza), per ridurre al minimo qualsiasi possibile contatto fisico in aeroporto. 
Aggiungendo WIZZ Flex a una prenotazione, i passeggeri hanno la certezza che se le circostanze dovessero cambiare o desiderano semplicemente viaggiare in una data diversa o verso una destinazione diversa, possono prenotare nuovamente su qualsiasi volo WIZZ di loro scelta. Fornire questo ulteriore livello di protezione per le prenotazioni dei passeggeri è una garanzia di tranquillità durante questi periodi incerti.

LE NUOVE 4 ROTTE WIZZ AIR DALL’ITALIA 

Destinazione

Frequenza

A partire da

Tariffe da**

Malpensa - Odessa

Lunedì, Venerdì

29 Mar 2021

EUR 19.99

Bologna - Odessa

Martedì, Sabato

30 Mar 2021

EUR 19.99

Roma Fiumicino - Odessa

Lunedì, Venerdì

29 Mar 2021

EUR 29.99

Malpensa – Heraklion Creta

Lunedì, Mercoledì, Venerdì, Domenica

2 Ago 2020

 EUR 29.99                                                                                       

Wizz Air, la più grande compagnia aerea low cost dell'Europa centrale e orientale, gestisce una flotta di 122  aeromobili Airbus A320 e A321. Un team di professionisti del settore dell'aviazione offre un servizio di qualità superiore e tariffe molto basse, rendendo Wizz Air la scelta preferita di 40 milioni di passeggeri nell'esercizio FY20 che termina il 31 marzo 2020. Wizz Air è quotata alla Borsa di Londra con il ticker WIZZ. La compagnia è stata recentemente nominata una delle prime dieci compagnie aeree più sicure al mondo da airlineratings.com, l'unica agenzia al mondo per la sicurezza e la classificazione dei prodotti, e la compagnia aerea 2020 dell'anno da ATW, l'onore più ambito che una compagnia aerea o un individuo può ricevere, riconoscendo gli individui e organizzazioni che si sono distinte per prestazioni eccezionali, innovazione e servizio superiore.

* Le emissioni di anidride carbonica di Wizz Air sono state le più basse tra le compagnie aeree europee nel FY  2019 (57,2 gr / km / passeggero)

** Solo andata, comprensivo di tutte le tasse e le spese non opzionali, inclusa una franchigia per un bagaglio a mano gratuito di dimensioni massime fino a 40x30x20cm. Il trolley e ogni bagaglio registrato sono soggetti a costi aggiuntivi. Il prezzo si applica solo alle prenotazioni effettuate su wizzair.com e sull'app mobile WIZZ. Il numero di posti ai prezzi indicati è limitato.

*** ACI suggerisce la creazione di 750 posti per 1 milione di passeggeri trasportati all’anno

Caseificio Comellini: qualità e riconoscimenti

Castel San Pietro Terme si trova al centro di una zona da sempre vocata al benessere e dal 2005 è “Città Slow”, ambasciatrice del buon vivere e di uno stile di vita “lento”, fatto di tradizioni, paesaggi e prodotti genuini ma anche di acque termali. In questa buona terra, nel 1969, i fratelli Roberto e Sergio Comellini acquistarono un vecchio caseificio e, forti di un’esperienza casearia (acquisita da dipendenti) si decisero ad avviare una propria impresa.
Oggi, a cinque decenni di distanza, il Caseificio Comellini, è un moderno stabilimento caseario con 34 dipendenti, guidato da Luca Comellini (figlio di Roberto) e può vantare un fatturato attuale di 9 milioni di euro, in crescita da diversi anni con un aumento pari a circa il 2% all’anno. La sua produzione si concentra sui formaggi freschi con oltre 29 prodotti tra cui la Casatella, lo Stracchino degli Angeli, il formaggio Castel San Pietro, la Mousse di Latte e il Raviggiolo, con l’aggiunta recente di una speciale linea senza lattosio (<0,01%) realizzata con caglio vegetale. Il focus della produzione casearia dell’azienda è, però, lo Squacquerone di Romagna DOP, di cui il Caseificio Comellini è storico produttore, oltre che uno tra i promotori delle iniziative che hanno condotto all’adozione del disciplinare di produzione portato a compimento nel 2012. Al centro della filosofia Comellini c’è il territorio, con la sua fusione di artigianalità e tecnologia che ambisce a mantenere viva l’importanza del fattore umano evolvendo al contempo gli standard qualitativi per ottenere un prodotto locale, ma sempre più contemporaneo. Al Caseificio Comellini il 77% della materia prima è acquistato all’interno dell’Emilia-Romagna: nello stabilimento di Castel San Pietro si lavorano circa 300 quintali al giorno di latte interamente italiano, di cui almeno il 62% proveniente da sole 8 stalle selezionate nel tempo e situate nel raggio di pochi chilometri dallo stabilimento.
Comellini è una delle aziende casearie che meglio rappresenta il buon vivere e il fare impresa tipicamente emiliano-romagnolo, che fonde tradizione e innovazione per realizzare quelle eccellenze enogastronomiche che hanno reso famosa la regione in tutto il mondo.
Con puntuali analisi di laboratorio in house e la vocazione all’innovazione qualitativa, il metodo Comellini contribuisce alla creazione di prodotti che hanno raccolto premi in 3 diverse edizioni (2012, 2014, 2016) del Concorso Nazionale Alma Caseus, dedicato ai formaggi italiani e organizzato da Alma, Scuola Internazionale di Cucina Italiana, così come la medaglia d’oro nella categoria semi duri a latte vaccino (per il suo Castel San Pietro, caciotta dalla caratteristica consistenza morbida e dal sapore delicato) e la medaglia di bronzo nella categoria formaggi freschi a latte vaccino (per il suo Stracchino degli Angeli, gustoso formaggio molle da tavola, mantecato e dal delicato sapore di latte appena munto) al 32° “World Cheese Awards”, premio di riferimento internazionale per l’eccellenza casearia, tenutosi nel corso del Festival Forme e in contemporanea alla B2Cheese, la fiera internazionale del comparto lattiero-caseario.

SPACCIO COMELLINI
Via Flavio Gioia, 4
40024 Castel San Pietro Terme (Bo)
Tel. 051 948204
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il negozio è aperto nei seguenti giorni e orari:
Lunedì dalle 07:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 19:30
Martedì dalle 07:00 alle 13:00, al pomeriggio chiuso
Mercoledì dalle 07:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 19:30
Giovedì dalle 07:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 19:30
Venerdì dalle 07:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 19:30
Sabato dalle 07:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 19:30
Domenica chiuso

Salvaguardia della biodiversità agraria e forestale: convegno

ARGAV, UNAGA e VENETO AGRICOLTURA sono lieti di invitare tutti alla videoconferenza 

SALVAGUARDIA DELLA BIODIVERSITA’ AGRARIA E FORESTALE: CUORE PULSANTE DELLE STRATEGIE AMBIENTALI LOCALI, NAZIONALI E DELL’UE

Venerdì 19 giugno 2020, ore 18.00 - 19.30 su ZOOM al link:

https://us02web.zoom.us/j/85132432646 

Intervengono:

*GIUSTINO MEZZALIRA,* Direttore della Sezione Ricerca e Gestioni Agro-Forestali di Veneto Agricoltura: “La biodiversità in poche parole”

*LORENZO FURLAN* , Dirigente del Settore Ricerca Agraria di Veneto Agricoltura, esperto internazionale di Difesa Integrata: "Api e biodiversità agraria"

*ANTONIO BRUNORI,* Segretario Generale del PEFC Italia, Direttore responsabile della Rivista online Ecodelleforeste.it: “La biodiversità forestale”

Modera: 

*MIMMO VITA*, giornalista e Presidente del CTS di UNARGA

Sassonia aperta, arte e natura per ricominciare a viaggiare

Da quando è possibile viaggiare di nuovo tra Paesi dell’Unione Europea la regione Dresden Elbland Vi aspetta per combinare massicce dosi di arte, storia e cultura a indimenticabili esperienze attive nella Valle dell’Elba.

Dresda, capoluogo della Sassonia

Dresda, Giugno 2020. Finalmente le belle notizie sono tornate a circolare e con loro anche i viaggiatori! Con le dovute precauzioni e aspettative possiamo tornare a pianificare i viaggi fuori dai nostri confini nazionali, per tornare a mescolarci con i nostri vicini europei. C’è chi ad ogni modo sta pensando che sia meglio restare nel proprio Paese e chi all’estero ci vorrebbe andare ma è pieno di dubbi sul come muoversi e dove andare. Tutte le scelte in questa “strana estate” sono condivisibili, ma per orientarsi e scegliere è fondamentale essere informati sulle situazioni attuali dei Paesi in cui vorremmo andare. La Sassonia è una delle regioni tedesche tra le meno colpite dal Covid-19 e fin da ora gli ospiti internazionali sono i benvenuti. Le strutture ricettive, i ristoranti, istituzioni culturali e per il tempo libero hanno riaperto il 15 maggio e gradualmente si sono riorganizzate secondo le nuove disposizioni, offrendo nuovi formati e modalità di fruizione al pubblico. Ad attendere specialmente i turisti italiani, amanti della perfetta combinazione arte e natura, c’è la regione Dresden Elbland!

A Dresda un viaggio nella storia dell’arte e nelle eroiche imprese di Augusto Il Forte (350° anniversario).

Da vedere a Dresda ci sono le Collezioni d’Arte Statali, in primis la Gemäldegalerie Alte Meister e la collezione di sculture fino al 1800. Dopo quasi dieci anni di rinnovamento, la famosa collezione era stata aperta solo nel febbraio 2020 con una grande risposta internazionale, per poi dover chiudere di nuovo subito dopo a causa delle restrizioni per il Coronavirus. Ora i capolavori come la "Madonna Sistina" di Raffallo, "Ganymed" di Rembrandt o le vedute di Dresda di Bernardo Bellotto sono tornate inserite in un nuovo allestimento museale che garantisce un’ esperienza artistica davvero inedita. Anche i musei della Residenzschloss sono di nuovo aperti, inclusa la Storica Volta Verde (Grünes Gewölbe), rimasta chiusa ai visitatori dopo il tragico furto con scasso del 25 novembre 2019. Per tutto l'anno Dresda celebra il 350° compleanno dell'uomo la cui passione per il collezionismo e l'amore per le cose belle caratterizzano ancora la capitale sassone: Federico Augusto I di Sassonia chiamato anche Augusto Il Forte. In suo onore il Castello di Moritzburg ospita la mostra speciale “350 anni del mito di Augusto Il Forte” fino al 1 novembre 2020. Anche la nuova offerta "Fortress Xperience" è dedicata al personaggio di Federico Augusto. Questa esperienza multimediale sotto la famosa terrazza di Brühl fa conoscere la storia delle fortificazioni della città di Dresda del XVI secolo, che una volta erano tra le più moderne in Europa.

In città il meglio dell'intrattenimento a cielo aperto.

Dresda è famosa per la sua bella atmosfera nelle sere d’estate sulle sponde dell’Elba, nelle vie della Neustadt e nei locali adibiti al teatro sociale e alle operette. Tutto questo mondo si è riorganizzato a partire dal cinema, che all’Ostrage, area verde alla periferia della città vecchia di Dresda, ha aperto in versione drive-in con uno schermo di quasi 500 metri quadrati, che può rivendicare il titolo del più grande schermo pop-up in Germania (programmazione fino al 30 giugno). Si terranno anche con grande piacere le famose serate cinematografiche sulle rive dell'Elba di fronte al famoso skyline della città di Dresda (dal 25 giugno al 23 agosto 2020), mentre le Operette di Dresda saranno a cielo aperto sotto forma di passeggiate nella centrale elettrica del Mitte: 15 esibizioni tra operette e musical, da Vienna a New York, sono previsti tra il 20 giugno e il 12 luglio 2020. Infine immancabile come ogni estate il festival gratuito "Palais Sommer", dal 17 luglio al 23 agosto 2020, che porta cultura e arte alle persone nel romantico parco del Palazzo giapponese, compresi concerti e sessioni di yoga.

Divertiti, vivi la natura e sii attivo. Questa è l'Elbland!

Appena fuori Dresda si apre l’incantevole Valle dell’Elba che deve il suo nome al fiume omonimo che la attraversa donandole lucentezza e splendore. L’Elbland offre molto opportunità ai vacanzieri attivi: è possibile scegliere tra vari percorsi ciclabili ed escursionistici attraverso boschi, pianure e paesaggi lacustri e fluviali su entrambi i lati dell'Elba. In bici si può percorrere la Via Ciclabile dell’Elba per 180 km partendo dal ridente villaggio di Bad Schandau fino a Torgau, culla della Riforma Luterana. Il percorso sorprende e lascia impressionati i cicloturisti per la varietà dei paesaggi naturali e per l’alta concentrazione di tesori artistici e culturali: ovunque si presentano opportunità di lasciare la propria bici per andare alla scoperta di imponenti fortezze, splendidi castelli, di magnifici borghi e di centri storici ben conservati. Anche la Strada del Vino Sassone costeggia l’Elba, percorribile in bici o a piedi, questo itinerario che da Pirna arriva fino al villaggio di Diesbar-Seußlitz, offre un’ttima escursione nella storia del vino sassone. Consigliamo di percorrerla sopratttto nei giorni delle cantine aperte (29/30 agosto 2020), delle escursioni guidate e delle feste del vino in autunno, ad esempio a Radebeul e Meißen (dal 25 al 27 settembre 2020). Ci sono inoltre opportunità di vivere l’Elbland facendo sport acquatici, oppure in modo più rilassato e romantico prendendo uno dei battelli a vapore della flotta Sachsische Dampfschifffahr, tra le più antiche del mondo. 

Informazioni per viaggiare più sicuri.

A tutti i viaggiatori raccomandiamo prima di partire di informarsi sulla situazione sanitaria attuale in Germania e sulle restrizioni di sicurezza in atto. Pertanto consigliamo di consultare i seguenti link (in inglese): 

Informazioni sul coronavirus dal Robert Koch Institute. Raccomandazioni di viaggio sul coronavirus dal Ministero degli Esteri FAQS utili per chi vuole viaggiare in Germania

E per domande specifiche sulla Sassonia, è consigliato contattare la TMGS (Ente per la Promozione del Turismo in Sassonia) all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. , oppure gli operatori turistici presenti in regione Augustus Tour, Incoming -Sachsen e Sassonia Turistica – Firenze dell’Elba, validi riferimenti nell’organizzazione di viaggi per gruppi e individui dall’Italia in Sassonia. 

Germania/Dresda tel. +49 (0) 351 49170-15

email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
http://www.sassoniaturismo.it
http://www.sassoniaturismo-blog.it
http://www.instagram.com/saxonytourism/
http://www.facebook.com/Sassoniaturismo/ 

Estate in cantina nelle Tenute La Montina per gustare la Franciacorta

Ripartono visite guidate (anche serali), degustazioni e ristorante con un’offerta ancora più ricca del solito, quella proposta da La Montina di Monticelli Brusati per l’estate 2020. Non solo visite guidate in cantina, ma vere e proprie esperienze enogastronomiche organizzate in collaborazione con Villa Baiana, il ristorante attiguo alla cantina, ospitato nell’affascinante cornice della villa seicentesca, cuore storico della tenuta.
Una tenuta accogliente
La famiglia Bozza, fondatrice sia dell’azienda vinicola La Montina che del ristorante Villa Baiana, è da sempre ferma sostenitrice e promotrice del territorio franciacortino. Da più di trent’anni, infatti, accoglie turisti e “wine lover” in cantina e nei grandi saloni della villa, immersi nel verde delle le colline di Monticelli Brusati, per condividere con loro i segreti della produzione del rinomato vino Franciacorta. Nel corso degli anni le proposte dedicate agli ospiti si sono arricchite di esperienze sempre più complete, oggi più che mai attente alle produzioni di altre eccellenze locali.  È possibile, ad esempio, partecipare a degustazioni di vini abbinati a salumi e formaggi lombardi (la prossima in calendario sarà domenica 19 luglio alle 10.00).
Cindarella, la novità dell’estate
La ripartenza post Covid ha significato per La Montina e Villa Baiana (come per moltissime altre attività) ripensare all’organizzazione aziendale, per adattare l’offerta alle nuove esigenze degli ospiti. Così le splendide sale, i cortili e i giardini di Villa Baiana, che solitamente ospitano ricevimenti e matrimoni, sono stati trasformati, per accogliere in completa sicurezza amici e clienti durante aperitivi, pranzi, cene e brunch. Cindarella è il nome del nuovo format proposto dalla Villa, che per l’estate sarà aperta dal giovedì alla domenica. Allo stesso modo i tour di visita della cantina, una volta più numerosi, sono diventati occasioni di intima condivisione tra pubblico e produttore. Ma c’è di più, altri turni di visita sono stati aggiunti ai classici – che già erano disponibili tutti i giorni della settimana – per consentire al pubblico di visitare la cantina anche la sera. Il venerdì e il sabato alle 18.30, infatti, sarà possibile organizzare un tour della cantina, con successiva degustazione presso Villa Baiana. Qui gli ospiti potranno provare l’abbinamento di due Franciacorta con un piatto “stuzzico” dalla cucina, al costo di 18 € a persona e decidere successivamente se proseguire la serata cenando in villa.

Informazioni e prenotazioni:

Cindarella, alias Villa Baiana – Brunch, pranzi, aperitivi e cene in Franciacorta
Giovedì – venerdì: dalle 18.00 a mezzanotte
Sabato: dalle 9.30 alle 14.00 e dalle 18.00 a mezzanotte
Domenica: dalle 9.30 alle 14.00

Info e prenotazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 030 6854085

La Montina – Visite guidate in cantina e degustazioni
Lunedì – venerdì: tour ore 10.30 e 15.30
Venerdì – sabato: tour ore 18.30
Sabato – domenica: tour ore 10.00 e 11.00

Info e prenotazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 030 653278

Le Tenute La Montina di Monticelli Brusati sono fra le aziende storiche della Franciacorta. Le vigne aziendali sviluppano su di una superficie vitata di circa 72 ettari, dislocati in 7 Comuni della Franciacorta. Vigneti, con giacitura preminentemente collinare, impiantati su terreni calcarei e limo-argillosi con una resa circa di 100 quintali per ettaro con densità di 5.400/7.000 ceppi per ettaro. La cantina si estende per 7.450 m² sotterranei, il che garantisce tutto l’anno la minore escursione termica possibile (attorno ai 13°- 16°) e condizione ottimale per la giusta maturazione dei Franciacorta. La produzione media è di 380.000 bottiglie annue. Distributore nazionale La Montina: RINALDI 1957 SPA www.rinaldi.biz

Il Mercato di Mezzo di Bologna riapre in sicurezza

Ha riaperto i battenti il Mercato di Mezzo di via Clavature nel centro storico di Bologna - tra piazza Ravegnana e piazza del Nettuno - il più antico mercato coperto della capitale gastronomica d’Italia, dove trovare, acquistare e degustare eccellenze come la pasta fresca di DeGusto, il tagliere e il “crostone” delle Sorelle Ribelli, il pranzo veloce all’Antica Bottega, i prodotti del Forno Calzolari, i piatti di pesce e non solo della Pescheria del Pavaglione, le carni e i salumi del RoManzo, la famosa macelleria con cucina della famiglia Zivieri, della pizzeria e puteca (dal napoletano bottega) Rossopomodoro e le “bionde” e “scure” della birreria Baladin. 
Per garantire, insieme ai piaceri della buona tavola, la massima sicurezza di tutti gli ospiti, il Mercato ha dimezzato le sedute comuni interne e ripristinato i dehors esterni, per degustare cibo e bevande anche all’aperto e per assistere agli incontri legati alla cultura del cibo che presto riprenderanno per la gioia dei gourmet bolognesi e non. 
In tutti gli spazi sono disponibili igienizzanti per le mani e negli ambienti viene utilizzata aria condizionata senza riciclo, più sana e pulita.
Per tutto il mese di giugno il Mercato di Mezzo sarà aperto dal mercoledì alla domenica inclusi, dalle ore 10,00 alle 22,00. Tra i servizi sempre disponibili c’è anche la vendita di prodotti e cibi pronti da asporto.

(GfL)

Grand Tour delle Marche 2020: parte l’edizione “Dopo Covid”

Con GustaPorto, “salpa” da Civitanova Marche il Grand Tour delle Marche, iniziativa di successo unica nel Belpaese sviluppata dall’organizzazione di Tipicità insieme ad ANCI (Associazione Nazionale dei Comuni Italiani) per realizzare uno storytelling del territorio marchigiano attraverso due suoi fondamentali attrattori: cibo e “making” artistico-manifatturiero. Un coinvolgente percorso che da giugno a novembre esplora l’intera regione con “tappe” esperienziali: immergersi tra le ostriche dell’Adriatico, fare cappelli a mano, partecipare alla preparazione del Brodetto, cercare tartufi con tutta la famiglia, esplorare il Parco Nazionale dei Monti Sibillini guidati dai profumi di una salutare mela rosa, scoprire i 5000 pezzi che compongono una fisarmonica, votare i migliori quadri fatti con i fiori, degustare le prelibatezze care al sommo poeta Giacomo Leopardi.
Con una grande novità! La piattaforma digitale e l’app di Tipicità EXPerience raccordano tutte le tappe del circuito, consentendo di iniziare l’esperienza prima di arrivare nella località pre-scelta, scoprendone tutte le opportunità offerte e costruendosi il proprio esclusivo viaggio su misura. Con tutte le sicurezze “Post Covid”, naturalmente!
Per il secondo anno consecutivo collabora al progetto Banca Mediolanum, che apporterà interessanti contenuti che confluiranno nel già ricco palinsesto, fruibile anche in modalità “on li-ne”. Quest’anno il punto di partenza del Grand Tour delle Marche sarà Civitanova Marche, località balneare “bandiera blu” dove sabato 6 e domenica 7 giugno si svolge “GustaPorto”, un’iniziativa che parla di mare in tutti i suoi diversi aspetti: pesca, gastronomia, turismo, tradizione, cultura e sostenibilità. La formula che caratterizza questa edizione dell’evento, promosso dall’amministrazione comunale, è del tutto inedita e adeguata alla situazione “speciale” che stiamo vivendo. Tra le novità più attese, l’Agorà con Mario Giordano, fruibile in diretta on line e l’asta digi-tale 2.0 con il biologo Corrado Piccinetti, che consentirà di aggiudicarsi anche da casa le migliori cassette di pescato stagionale “battute” dal Mercato Ittico. Molto apprezzato il contest per i più giovani, che hanno realizzato disegni sul tema del mare e delle atmosfere portuali. I migliori elaborati saranno animati da un pool di esperti per realizzare dei veri e propri “cartoon” di GustaPorto. Di grande suggestione i “virtual tour” fruibili sul sito della manifestazione, con visite immersive sui luoghi più iconici della città affacciata sul mare, accompagnati da performance artistiche e culturali. Fino al 14 giugno, speciali proposte di accoglienza con la GustaPorto Week nelle strutture ricettive aderenti, e Menù GustaPorto nei ristoranti e nei balneari del circuito. Tutte le info sul Grand Tour delle Marche sono reperibili nella piattaforma www.tipicitaexperience.it; sul programma di GustaPorto nel sito internet www.gustaporto.it.

(GfL)

Rivista mensile cartacea e Ipad - Newsletter quindicinale - Trasmissione tv - Eventi live

Tipicità e turismo enogastronomico, cucina del territorio, ristoranti e ristoratori, chef, vini e vigneron, hotellerie, itinerari turistici, trend di mercato, cultura e lifestyle.

Contatti

Degusta Srl
Via Francesco Cilea, 10
40141
Bologna (BO)
PI 03533051201
marketing@degusta.tv