Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso all'installazione di qualsiasi cookie clicca sul pulsante "Scopri di più". Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie

Al via la vendemmia alle Cinque Terre

Notizie in evidenza

Al via la vendemmia alle Cinque Terre

Cominciata in questi giorni per oltre 150 realtà vitivinicole e per i 25 produttori di Doc, delle Cinque Terre, la raccolta delle uve proseguirà fino a metà della prossima settimana sui terrazzamenti a picco sul mare. Si parte con le uve da passito Sciacchetrà e si prosegue con i grappoli destinati alla Doc del bianco secco, salendo via via su pose sempre più alte che raggiungono 500 metri s.l.m. Si prevede un raccolto in linea con gli scorsi anni per quantità e qualità che comunque risente di stagioni complicate dall’alternanza di piogge e dalle temperature alte. 
Nelle Cinque Terre il territorio vitivinicolo è verticale e si dipana in una rete di circa 6000 chilometri lineari di muri a secco per un totale di 8 milioni di metri cubi di pietre e, nei secoli, sono state ricavate strisce di terra (cìan) dove la vite è allevata da pochi vitivinicoltori eroici e tenaci, distribuiti sull’intero territorio del Parco Nazional. In questo paesaggio trovano le condizioni pedoclimatiche ideali i vigneti di bosco, arbarola e vermentino e si producono le due tipologie di vino Doc identificative del territorio: il Cinque Terre e il prezioso Sciacchetrà, rispettivamente un bianco secco e un passito bianco vinificato con le uve migliori e più sane, cresciute nei vigneti delle zone più basse vicino al mare.
«Questo per la vendemmia nelle Cinque Terre è un anno particolare», dichiara la presidente del Parco Nazionale delle Cinque Terre, Donatella Bianchi «l’anno del Covid, che ha già avuto numerose conseguenze sulle attività economiche legate al turismo. Il Cinque Terre Doc è un vino che segue una rete di vendita soprattutto locale, in un anno dove il calo del turismo si è attestato intorno al 51% (dati al 6 agosto 2020, fonte Federalberghi), a risentirne sono state anche le aziende vitivinicole delle Cinque Terre che hanno riscontrato giacenza di bottiglie sopra la media. «Siamo preoccupati per le aziende produttrici delle 25 etichette che vinificano il Doc Cinque Terre e lo Sciacchetrà e imbottigliano nelle proprie cantine, come lo siamo per i piccoli conduttori di terreni che producono in proprio o conferiscono alla Cooperativa Agricoltura Cinque Terre o in altre cantine. Attualmente la superficie coltivata a vigneto supera di poco i 150 ettari contro il 500 ettari di circa 60 anni fa, sostenere gli agricoltori è una necessità anche per la salute del Parco». 
La vendemmia sembra promettente, il raccolto 2020 nella norma, lungo i filari distribuiti tra terra e mare, in un ambiente naturale nei secoli plasmato dall’uomo dove il paesaggio, nel proprio insieme, costituisce l’essenza del Parco Nazionale delle Cinque Terre e cuore pulsante del Sito Unesco che lo vede inserito nella lista del World Heritage come Patrimonio Naturale Mondiale dell’Umanità. Si deve anche a questa straordinaria metamorfosi architettonica fatta di muri a secco se l’area protetta oggi può vantare un grande serbatoio di biodiversità: l’incontro tra habitat naturali e coltivati è tra gli elementi chiave di questa ricchezza che nei secoli i vignaioli hanno saputo osservare, rispettare e conservare per trarne opportunità di vita. Il sistema a terrazzamenti non è stato realizzato a danno della natura, bensì ha favorito un rifugio per piante e animali, contrastando i fenomeni erosivi attraverso una sapiente canalizzazione delle acque. Un territorio, dunque, unico e straordinario proprio per la speciale convivenza tra uomo e ambiente, forse uno dei pochi luoghi in cui “i delfini possono guardare la raccolta delle uve dal mare”. 

Il Parco Nazionale delle Cinque Terre è stato istituito il 6 ottobre 1999 con Decreto del Presidente della Repubblica (Gazzetta Ufficiale 17 dicembre 1999, n. 295). Il territorio del Parco Nazionale delle Cinque Terre, tra i più piccoli d’Italia e allo stesso tempo il più densamente popolato, ha un’estensione di 3.868 ettari e una popolazione di circa 4.000 abitanti. Comprende i Comuni di Riomaggiore, Vernazza, Monterosso al Mare, La Spezia (zona Tramonti) e Levanto (zona Mesco). Nel 2014 il Parco ha conseguito la certificazione del proprio sistema di gestione ambientale secondo i requisiti della norma UNI EN ISO 14001 propedeutica alla registrazione EMAS (Eco Management an Audit Scheme) dei servizi ecosistemici del Parco. Il Certificato di Registrazione EMAS è stato ottenuto dall'Ente Parco, il 26 giugno 2019. 

Condividi sui Social

Submit to DeliciousSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Rivista mensile cartacea e Ipad - Newsletter quindicinale - Trasmissione tv - Eventi live

Tipicità e turismo enogastronomico, cucina del territorio, ristoranti e ristoratori, chef, vini e vigneron, hotellerie, itinerari turistici, trend di mercato, cultura e lifestyle.

Contatti

Degusta Srl
Via Francesco Cilea, 10
40141
Bologna (BO)
PI 03533051201
marketing@degusta.tv