Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso all'installazione di qualsiasi cookie clicca sul pulsante "Scopri di più". Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie

News

News

I Percorsi Internazionali di Borghi d'Europa Progetto L'Europa delle Scienze e della Cultura Patrocinio IAI (Iniziativa Adriatico Jonica,
Forum Intergovernativo per la cooperazione regionale nella Regione Adriatico Jonica) ed ESOF2020 Euroscience Open Forum Trieste Capitale Europea della Scienza

Mercoledì 22 luglio 2020 Ristorante Enoteca SANMARCO via Piave 5, Noventa di Piave (Ve)
alle ore 12,00 Presentazione di ESOF2020,Trieste Città Europea della scienza I Percorsi Internazionali: le Vie della Letteratura e della Poesia
Giornalisti e comunicatori 'intervistano' i protagonisti del Territorio - La cucina di Terra: a convivio con il ristorante enoteca Sanmarco


IAI (Iniziativa Adriatico – Jonica) Forum Intergovernativo per la Cooperazione regionale nella regione adriatico jonica Associazione Culturale

BORGHI d’EUROPA Piazzale Martesana 6
Milano / Via Lussemburgo n.42 – Padova - tel.+39 3809081686
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. / Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. www.grandistoriedipiccoliborghi.blogspot.com / 
www.borghideuropa.eu

Destinazione Delta del Po: i temi di ESOF2020 Borghi d'Europa, nel quadro del progetto “L'Europa delle Scienze e della Cultura” (2020/2021) sotto il Patrocinio IAI (Iniziativa Adriatico Jonica, Forum Intergovernativo per la cooperazione regionale nella regione Adriatico Jonica) e di ESOF2020 - EuroScience Open Forum Trieste, ha scelto il Delta del Po, come “locus” per il Percorso Internazionale Aquositas - Le Vie d'Acqua. L'obiettivo dell'iniziativa è semplice e ambizioso al tempo stesso: si tratta di creare relazioni stabili con il mondo dell'informazione nazionale ed europea, attivando mese per mese interventi, visite, incontri di informazione capaci di imporre il Delta all'attenzione dei media. I giornalisti e i comunicatori di Borghi d'Europa hanno realizzato un viaggio a Porto Tolle, per presentare ESOF2020 e rilanciare il progetto. Viene proposto un percorso informativo sui temi della sostenibilità, toccando i borghi e i territori coinvolti nelle iniziative di informazione. Il luogo dell'incontro l'Albergo Italia e RistòItalia, con la sua cucina di terra e di mare.

ESOF2020 EuroScience Open Forum è la più rilevante manifestazione europea focalizzata sul dibattito tra scienza, tecnologia, società e politica. Creato nel 2004 dall’associazione no-profit EuroScience, il forum ogni due anni offre un’opportunità unica di interazione e dibattito tra scienziati, innovatori, politici, imprenditori, operatori della comunicazione e cittadini. Trieste è stata nominata Città Europea della Scienza 2020 e ospiterà la nona edizione di ESOF. L’EuroScience Open Forum - ESOF2020 Trieste si svolgerà dal 2 al 6 settembre con una missione rinnovata. Se prima della pandemia l’evento rappresentava uno dei principali spazi di confronto multidisciplinare a livello europeo sui cambiamenti della scienza e della tecnologia e sul loro ruolo nella società, gli ultimi mesi di ansie e incertezze generalizzate hanno aggiunto motivazioni forse ancora più profonde. “Nel Porto Vecchio di Trieste ci saranno necessariamente meno relatori fisicamente presenti, molti si collegheranno da remoto” - afferma Stefano Fantoni, Champion dell’iniziativa - “ma più delle difficoltà organizzative ha prevalso l’urgenza del confronto di fronte a tutto quello che è successo negli ultimi mesi. Mai come in questo momento la comunità scientifica globale” - continua Fantoni - “deve dimostrare di essere all’altezza delle sfide che ci aspettano, a partire dalla ricerca di nuove modalità per continuare a far circolare le idee. La pandemia ha svelato in modo eclatante anche la rilevanza di una condotta etica solida nella diffusione dei risultati della ricerca e quanto lavoro vada fatto per migliorare il dialogo fra scienza e politica, fra esperti e media. ESOF è un evento pensato fin dalle sue origini proprio per favorire questo tipo di confronti.” “Tenere ESOF2020 subito dopo la riapertura dell’Europa post-Covid è essenziale per discutere tempestivamente del ruolo della ricerca scientifica, dell’expertise e della comunicazione in questo contesto che non ha precedenti” afferma Michael Matlosz, Presidente di EuroScience. “Il nuovo format ibrido adottato per l’evento offre l’opportunità a tutti i professionisti della scienza e ai diversi stakeholder di partecipare attivamente al dibattito, di persona o virtualmente.”

 

Il 16 luglio il Santuario invoca la generosità̀ di tutti coloro che desiderano aiutare Lourdes a continuare la sua opera. Il mondo ha bisogno di speranza; il mondo ha bisogno di Lourdes. Aiutate Lourdes ad alzarsi e a prepararsi per il futuro!

Oggi 16 luglio, anniversario della diciottesima e ultima apparizione della Vergine Maria, il Santuario di Lourdes ospita un eccezionale pellegrinaggio online per tutto il mondo, che si svolge in diretta dalla Grotta delle Apparizioni.  Questa giornata straordinaria è indetta per riunire milioni di persone provenienti da tutti i continenti, attraverso la televisione, la radio e i social network, sotto il segno della speranza e della solidarietà.

per fare un'offerta: https://www.lourdes-france.org/it/lourdes-united/#donLU

In programma trasmissioni delle celebrazioni, processioni, rosari, preghiere. Un programma televisivo sarà trasmesso in diretta all’interno della Grotta dalle 16.00 alle 18.00. Personaggi religiosi e civili saranno presenti sul set, per testimoniare il ruolo che Lourdes svolge nella loro vita. Le telecamere indugiano dietro le quinte di questo luogo unico per spiegare meglio la sua missione. Numerosi interventi sui temi della solidarietà, della fraternità, dell’impegno, dell’aiuto, della speranza e della ricerca di senso, oltre a reportage, video d’archivio, musica dal vivo, duplex con gli stranieri e altri momenti salienti completano le 2 ore di diretta. Un tempo di ricongiungimento, di speranza e di solidarietà per riconnettersi con lo spirito di Lourdes…

Lourdes, centro internazionale di pellegrinaggio, mobilita quasi 100.000 volontari per accogliere ogni anno 3 milioni di pellegrini e visitatori provenienti da tutto il mondo, tra cui più di 50.000 malati e disabili. Multi-generazionale e multiculturale, il pellegrinaggio online “Lourdes United” riunisce tutti coloro che, da ogni angolo del mondo, vedono Lourdes come un faro di fede, impegno, condivisione e speranza. Il mondo si trova ad affrontare una crisi economica e sociale senza precedenti, unita al forte desiderio di trovare un significato a tutto ciò che è accaduto finora. La fraternità, la generosità e la speranza che il Santuario porta con sé da 162 anni non è mai stata così essenziale. A Lourdes, i poveri, i deboli, i malati e i diversamente abili sono al primo posto.

I cappellani del Santuario hanno sempre portato alla Grotta la preghiera per e con il mondo e ancora di più durante la crisi globale dovuta al Covid-19. Centinaia di migliaia di messaggi, grida d’aiuto, di sofferenza, ma anche testimonianze di speranza continuano a raggiungere Lourdes, con cuori che battono insieme nella preghiera. Chiuso da più mesi, per la prima volta nella Sua storia, il Santuario ha dovuto cancellare tutti i pellegrinaggi. Nonostante la parziale riapertura in questi giorni – secondo il rigoroso protocollo sanitario - solo un numero molto limitato di pellegrini, può essere accolto. Lourdes senza pellegrini è senza risorse per la sua missione, per mantenere l’intero sito, per garantire l’intera durata e il lavoro dei 320 dipendenti. Il Santuario prevede una perdita economica storica di circa 8 milioni di euro. Oltre a ciò, resta in grande difficoltà tutto l’indotto dell’intero bacino…
Il “pellegrinaggio online” è un’iniziativa senza precedenti e oggi, 16 luglio 2020, il Santuario invoca la generosità di tutti coloro che desiderino aiutare Lourdes a continuare l’opera di cui il mondo ha bisogno!

Per informazioni e approfondimenti Marianna Lovagnini:
Havas PR Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – tel 34 29 18 27 71

(+33) 892 46 00 12 (34 centesimi al minuto)

Scrivere a:  Sanctuaire Notre-Dame de Lourdes Chapelet radiodiffusé et télédiffusé
                     65108 Lourdes Cedex, Francia

1 Avenue Mgr Théas 
65108 Lourdes FRANCE
+33 (0)5 62 42 78 78 

 

Camminare è l’attività più semplice per ritrovare la forma ideale. Svolgere un’attività fisica in quota, a partire dai 1000 m, accresce ulteriormente i benefici di una vacanza nella natura. 
Trascorrere una vacanza in montagna, circondati dallo straordinario scenario naturale di boschi millenari e di grandi spazi verdi dove camminare e respirare aria pulita per intere giornate, è il regalo più bello che possiamo fare al nostro fisico e alla nostra mente, specie dopo un periodo particolarmente stressante come quello vissuto negli scorsi mesi. Per mantenersi in forma basta poco, semplicemente camminare. Questa è, infatti, l’attività fisica più naturale che l’uomo conosce, si pratica con qualsiasi condizione atmosferica e non ha controindicazioni né limiti di età.

UN’ESTATE DI ESPERIENZE ALPINE PER TUTTI

In Trentino si possono percorrere centinaia di sentieri e compiere trekking di più giorni nei principali gruppi montuosi per emozionarsi davanti allo spettacolo delle grandi pareti dolomitiche, di albe e tramonti in quota. Si incomincia trovando il proprio passo e il ritmo si allinea con il respiro, mentre le emozioni si rinnovano ad ogni metro, osservando il paesaggio unico che muta man mano che si sale di quota e l’orizzonte si allarga.

QUANDO LA MONTAGNA È AVVENTURA

Si cammina…sul vuoto, assicurati tramite i moschettoni agganciati alla fune metallica e con il casco protettivo in testa. Dalle Dolomiti di Brenta al Catinaccio sono centinaia i percorsi attrezzati che raggiungono le cime dei principali gruppi montuosi del Trentino per vivere una dimensione più avventurosa della montagna e provare le sensazioni uniche che solo l’alpinismo regala.

MOUNTAIN BIKE, 8000 CHILOMETRI DI VERE EMOZIONI 

Il Trentino svela tutta la sua bellezza anche in sella ad una mountain bike. Si può scegliere tra migliaia di chilometri mappati e segnalati, adatti a bikers di qualsiasi livello. La Rete dei percorsi provinciali in mtb sul territorio a oggi conta centinaia di percorsi, tabellati e numerati, per uno sviluppo complessivo superiore agli 8000 chilometri. 

 

UFFICIO STAMPA
Tel. 0461 219386
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
@PressTrentino

Dopo Tonino Guerra, Alberto Tomba e il comico Paolo Cevoli, anche Stefano Accorsi è protagonista delle campagne di comunicazione per promuovere l’Emilia Romagna. 
Stefano, petroniano doc, oltre ad essere un eccellente artista di cinema, teatro e produzioni tv, è pure appassionato di motori, dunque chi più adatto di lui per celebrare a tutto tondo la regione nota anche per la “Motor Valley”? 
L’attore emiliano sarà ambasciatore per i prossimi tre anni dell’offerta di arte e cultura della Regione, nonché dei suoi itinerari legati ai grandi registi, da Fellini, ad Antonioni, Guareschi, Pasolini, Bertolucci e tanti altri e alla Cineteca di Bologna – Previsti post e video sui canali social (oltre 800.000 follower tra Facebook, Instagram e Twitter) e un video documentario sulle bellezze lungo la Via Emilia destinato al grande schermo – Cineturismo, alla scoperta dell’Emilia- Romagna attraverso i suoi maestri del cinema - Il Presidente Bonaccini e l’Assessore al Turismo Corsini: “Questa iniziativa conferma ciò che diciamo da tempo: non abbiamo mai dato per persa la stagione e, anzi, ribadiamo che il turismo sarà uno dei pilastri della ripartenza economica dell’Emilia-Romagna. Con Stefano Accorsi, attore di fama internazionale, vogliamo valorizzare le nostre città d’arte, monumenti e scorci splendidi, luoghi molto spesso legati alla storia del cinema”
L’Emilia-Romagna più bella, quella dei suoi grandi registi, dei monumenti Unesco e dello splendore delle sue 10 Città d’Arte, dei quasi 100 teatri storici e degli oltre 500 musei, del laboratorio di restauro cinematografico più famoso e attivo al mondo e di tanto altro ancora, raccontata da un suo figlio, esponente di spicco della settima arte: Stefano Accorsi.
Stefano sarà testimonial dell’offerta di arte e cultura della Regione per i prossimi tre anni raccontando con video, post e podcast sui suoi profili social (che contano complessivamente oltre 800.000 follower) a cadenza bisettimanale, la bellezza dell’Emilia-Romagna, incarnata dalle dieci Città d’Arte che si susseguono lungo la millenaria Via Emilia con le loro corti medievali, i sontuosi palazzi e gli infiniti porticati e logge. Non solo, da queste pillole scaturirà un video racconto, che sarà in seguito presentato in occasione di festival del cinema nazionali ed internazionali.
I post di Accorsi e le pillole estratte dal video racconto, saranno poi condivise anche sui canali web e social (Facebook, Instagram TV, YouTube etc.) della Promozione Turistica Regionale dell’Emilia-Romagna (#inemiliaromagna) e delle tre Destinazioni Turistiche (Emilia, Bologna con Modena, Visit Romagna). Un’opportunità di grande visibilità per il turismo culturale emiliano romagnolo, ma allo stesso tempo un importante tassello nel processo di valorizzazione dell’attività della Film Commission regionale.
Quattro gli itinerari attualmente scaricabili da www.emiliaromagnaturismo.it/it/arte-cultura/percorsi-di-cinema-in-emilia-romagna, da “Le Terre di Don Camillo e Peppone” alla “Bologna di Pasolini”, da “La Rimini di Fellini” alle "Terre di Novecento", cui se ne aggiungeranno in futuro altri sette che fanno parte di un ampio progetto, a cura degli Assessorati Regionali alla Cultura e Turismo. 
“Raccontare la mia terra è una grande opportunità - dichiara Stefano Accorsi - si tratta di un’operazione culturale non scontata, un grande progetto, con una finalità importante. Investire in cultura è investire in coscienza. Questa è una regione ricca di primati che molto spesso non si conoscono. Sarà un privilegio poterne parlare sul web, ma anche sul grande schermo, grazie al video racconto sulle bellezza dell’Emilia Romagna che realizzeremo e andremo a presentare in giro per il mondo”.

Info: 
https://www.emiliaromagnaturismo.it/it/arte-cultura

nella foto: da sinistra a destra: Andrea Corsini, Assessore a Mobilità e Trasporti, Infrastrutture, Turismo e Commercio Regione Emilia-Romagna; Stefano Accorsi; Stefano Bonaccini, Presidente della Regione Emilia-Romagna; Matteo Lepore, Assessore a Cultura, Turismo e Promozione della città, Immaginazione civica, Sport, Patrimonio, Agenda digitale del Comune di Bologna 

 

Luglio è iniziato e così il meglio della stagione. Anche quest'estate, come sempre, il Garda Trentino è pronto per fare vivere emozioni indimenticabili e creare ricordi indelebili. Per allontanarsi dallo stress quotidiano e immergersi in passeggiate esplorative lungo i sentieri panoramici come quello della Ponale, impegnarsi in arrampicate sulle falesie o uscire su due ruote lungo le piste ciclabili. Il territorio offre queste e tante altre meravigliose esperienze, sempre in sicurezza, per fare vivere soggiorni sereni tra lago e montagne.
Vacanze attive: ciclismo, arrampicata, sport acquatici, vie ferrate e trekking: le esperienze outdoor sono la soluzione per la voglia di muoversi: ce n'è per tutti i gusti e tutte le età. 
Per una vacanza, che sia nel centro storico di Riva del Garda, sul lungolago di Torbole sul Garda, ai piedi del castello di Arco o nel borgo di Tenno, ci si può lasciare ispirare da un hotel, da un romantico bed and breakfast, da un appartamento fronte lago, dalle confortevoli case vacanze o da spaziosi campeggi. Il Garda Trentino è pronto ad accogliere tutti con la stessa cura e ospitalità di sempre ma con un’attenzione in più.
E poi ci sono botteghe storiche che profumano di legno e tradizione, tramandate di padre in figlio, botteghe antiche dove mani esperte modellano le preziose materie prime, negozi sportivi dove scovare l’attrezzatura perfetta per intense giornate outdoor e boutique alla moda dove acquistare il vero made in Italy, centri commerciali e punti vendita dove scoprire le eccellenze enogastronomiche del territorio: lo shopping nel Garda Trentino è più che una giornata a caccia di souvenir: è una vera esperienza. 
Il Garda Trentino è il posto che accoglie come in una grande famiglia. Le strutture ricettive sono aperte e aspettano i turisti per fare vivere loro una vacanza con la V maiuscola. Il loro  benessere è la priorità: tante proposte per coccolarsi tra un'avventura all'aria aperta e il relax in spiaggia.

Garda Trentino S.p.A. - Azienda per il Turismo Riva del Garda (TN) 
Largo Medaglie d'Oro al Valor Militare, 5
Tel: +39 (0464) 554444 - Fax: +39 (0464) 025442
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

Vacanza Benessere in Alta Val Badia: al Posta Zirm Hotel di Corvara Settimane LnB Motion la rivoluzionaria ginnastica che non solo ridà elasticità ai muscoli,ma debella anche i dolori e aumenta il livello d'energia del corpo. Dopo mesi di vita sedentaria, perché non approfittare di queste vacanze per rimettere in moto i muscoli in maniera realmente salutare, riprendere a fare movimento e imparare a farlo in modo corretto? La proposta viene dal Posta Zirm Hotel di Corvara, l’albergo storico dell’Alta Val Badia che, nella straordinaria e potente cornice delle Dolomiti insegna ai suoi ospiti l’LnB Motion, la rivoluzionaria ginnastica che non solo ridà elasticità ai muscoli, ma debella anche i dolori e aumenta il livello d'energia del corpo.
Nemico numero uno, la vita sedentaria
Ci siamo mai chiesti quante ore passiamo seduti al giorno? Dieci? Quindici o più? Di prima mattina a fare colazione, poi in macchina, in ufficio, a pranzo, poi in macchina di nuovo, al cinema, a cena e addirittura a letto, dato che molti di noi dormono con le ginocchia piegate. Lo stile di vita contemporaneo ci porta ad utilizzare solo il 15% delle nostre capacità motorie e i pochi movimenti che facciamo (bicicletta, corsa, palestra, tennis e la maggior parte degli sport) sono spesso unilaterali e ripetitivi. Perciò si creano nel nostro corpo squilibri muscolo-dinamici dovuti all’accorciamento dei muscoli (o ad allenamenti unilaterali di soltanto una parte della muscolatura), che generano innumerevoli dolori. L'accorciamento muscolare, ma anche delle fasciali e dei tessuti circostanti, fa sì che ci muoviamo progressivamente con sempre maggiore difficoltà. Anziché contrastare tutto ciò, evitiamo istintivamente i movimenti che ci danno dolore, innescando una spirale che ci limita sempre più. Il corpo si adatta lentamente a questa “richiesta” e con il passare del tempo lascia degenerare la forza, l’elasticità e la tonicità per tutti i movimenti che non vengono eseguiti con regolarità. Ed è, ad esempio, proprio per la mancanza di movimento che si può formare l'artrosi, che i dischi intervertebrali si assottigliano (schiacciamenti), oppure esce un’ernia. Gran parte dei dolori, al giorno d'oggi, sono dovuti proprio a ciò. Manca l'energia che biofisicamente viene creata attraverso il movimento, gli organi interni lavorano minimamente, i tessuti sono poco ossigenati e diminuisce quindi la detossinazione dalle scorie dal corpo, che col tempo si ammala. Da queste considerazioni sono partiti una trentina di anni fa i coniugi tedeschi Roland Liebscher e Petra Bracht (lui ingegnere e lei medico), che nel 2006 hanno divulgato le loro decennali sperimentazioni, dando il via a una vera e propria rivoluzione su come combattere il dolore (LnB Painless) e ideando un altrettanto rivoluzionaria ginnastica a corpo libero (LnB Motion). L'Università di medicina sportiva di Colonia ha scientificamente provato l’efficacia dei Metodi Liebscher & Bracht, che sono ormai adottati da atleti olimpionici, squadre di calcio, nazionali di sci e atleti internazionali.
Perché LnB Motion?
LnB-Motion é una scuola di movimento creata proprio per contrastare le maggiori mancanze causate dallo stile di vita contemporaneo, una ginnastica ideale per chi vuole ridare elasticità al corpo. Una sessione di LnB Motion è costituita da 12 esercizi: eseguirli in maniera completa garantisce la mobilità di tutti i muscoli e di tutti gli arti del corpo. Una sessione completa (in cui si attivano circa 1600 allungamenti) é paragonabile a innumerevoli esercizi di stretching e, nello stesso tempo, rinforza la massa muscolare. Ma i benefici dell'LnB Motion (che può essere praticato a tutte le età e in ogni luogo, dato che non richiede strumenti ginnici) sono molti di più: incrementa la resistenza fisica, attenua la tensione muscolare e aumenta il livello d'energia. Con l'LnB Motion è possibile tornare a “sentire” il proprio corpo e riuscire ad eseguire movimenti che, con il passare degli anni, sembravano proibitivi. Sono sufficienti 2-3 sessioni di 30 minuti la settimana per sentire presto un radicale cambiamento e benessere diffuso.
Al Posta Zirm Hotel per imparare LnB Motion
In Italia a proporre i Metodi LnB è il Posta Zirm Hotell’unica struttura con trainer con una formazione specifica: bastano poche sedute per ristabilire l’equilibrio muscolo-dinamico del corpo e, di conseguenza, alleviare i dolori dovuti a contratture muscolari, infiammazioni e irrigidimenti. Questa estate l’hotel offre ai suoi ospiti la possibilità di avvicinarsi all’LnB-Motion ed organizza dei Corsi di una settimana in cui vengono insegnati gli esercizi base, che vanno ripetuti periodicamente a casa per mantenere l’equilibrio muscolare ideale. Le Settimane LnB si terranno dal 26 luglio al 2 agosto e dal 39 agosto al 6 settembre. Le lezioni si terranno nel tardo pomeriggio, per permettere ai partecipanti di partecipare a tutte le escursioni e attività organizzate durante il giorno. Vengono anche organizzate su richiesta per piccoli gruppi.

Per informazioni - Posta Zirm Hotel
Col Alt, 95 - 39033, Corvara in Badia
Tel. +39 0471.836175 - www.postazirm.com - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sinonimo di ospitalità squisita e di prelibatezze gastronomiche da oltre un secolo a Corvara, nel cuore delle Dolomiti, il Posta Zirm Hotel è l’albergo storico dell’Alta Val Badia. Fu aperto nel 1908 come stazione di posta dal trisnonno Franz Kostner (vero e proprio pioniere del turismo in questa vallata, dove impiantò il primo impianto di risalita a fune, l'attuale Col Alt, alpinista di fama, eroico maggiore durante la I Guerra Mondiale, esploratore in Nepal e terre lontane) ed è ora gestito dai fratelli Franz e Silvia Kostner, quarta generazioni di proprietari. Fa parte della selezionata catena dei Wanderhotels (una sessantina di hotel esclusivamente a conduzione familiare che si trovano nelle più belle zone montane di Austria, Italia, Svizzera e Germania e offrono un alto grado di competenza nel settore dell’escursionismo alpino) e dell’Italy Bike Hotels specializzati nell’accoglienza dei ciclisti. Spa Hotel con Wellness Farm improntata a Feng Shui, ha come filosofia una particolare attenzione alla naturalità e al benessere. Fra l'altro è stato, anni fa, il primo hotel in Val Badia ad introdurre la cucina vegana (in tavola un ricco e vario menu che cambia giornalmente) e ha trattamenti/natura nella Spa.

 

A bordo della motonave River Queen della Negrini Andes, nello splendido scenario dei laghi di Mantova, sullo sfondo del bellissimo skyline del castello di San Giorgio, della reggia dei Gonzaga, della basilica di Santa Barbara e della Domus Nova, si è svolta la conferenza stampa di presentazione del programma turistico enogastronomico voluto in collaborazione con il gruppo Franciacorta per promuovere il turismo della ripartenza e il made in Italy.
Produttori, Aziende sponsor e addetti ai lavori, comodamente assisi nel pontile della motonave che si muoveva nella Vallazza, sulle trasparenti acque del Mincio, tra ninfee e fior di loto in procinto di sbocciare, con aironi, folaghe e cormorani che guardavano incuriositi, hanno ascoltato la promoter dell’iniziativa, gentile signora Mariuccia Ambrosini che ha proposto le iniziative per valorizzare il territorio della Franciacorta, annunciandone di  prestigiose, tra cui la prima edizione del “premio Letterario nazionale e di cultura Franciacorta” (presso il castello di Bornato a Cazzago San Martino - BS) che si avvarrà di scrittori, poeti, artisti e giornalisti, che il 5 settembre prossimo, giudicheranno le opere dei partecipanti e, per bocca della madrina della manifestazione – gentilissima Pia Donata Berlucchi (presidente della azienda agricola fratelli Berlucchi) – tutti ne conosceranno il vincitore.
Sempre con l’obiettivo “Meta 2021 Dubai, in concomitanza con l’Expo”, le proposte per la ripartenza sono anche altre, tante, tutte ambiziose e preziose:
19/20 settembre 2020 Festival del Franciacorta con cantine aperte (vendemmia didattica)
dall’11 al 18 ottobre prossimo, con l’obiettivo “lingua greca patrimonio dell’Unesco” crociera delle isole greche (a bordo della MSC Musica) 
dal 5 all’11 aprile 2021 crociera del gusto (a bordo della MSC Grandiosa) in concomitanza con l’udienza del Papa. 
A novembre altra “crociera gourmet”. 
A lato di questi progetti, le cantine, le aziende agroalimentari e i partners stanno lavorando per il secondo futuro obiettivo: rendere la Franciacorta patrimonio dell’Unesco. 
Molte le attività promozionali in essere come la “tessera Franciacorta Lovers” tra arte, storia, cultura in Franciacorta da bere, trasmissioni specifiche e interviste su radio e TV locali, Teletutto e canali nazionali e, ancora, articoli su giornali, presentazioni su blog, locandine e inviti a eventi dedicati in occasione del progetto Brescia-Bergamo candidate Capitale italiana della cultura.

Complimenti!

Per info:

Salotto Ambrosini
+39 3386725080
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   

ESOF2020,EuroScience Open Forum è la più rilevante manifestazione europea focalizzata sul dibattito tra scienza, tecnologia, società e politica. Creato nel 2004 dall’associazione no-profit EuroScience, il forum ogni due anni offre un’opportunità unica di interazione e dibattito tra scienziati, innovatori, politici, imprenditori, operatori della comunicazione e cittadini. Trieste è stata nominata Città Europea della Scienza 2020 e ospiterà la nona edizione di ESOF.

esof_GDB.png

La rete internazionale Borghi d'Europa, nel quadro del progetto L'Europa delle scienze e della cultura, patrocinato da ESOF2020 e dalla IAI (Iniziativa Adriatico Jonica,Forum Intergovernativo per la cooperazione regionale nella Regione Adriatico Jonica), propone un percorso informativo sui temi della sostenibilità,toccando i borghi e i territori coinvolti nelle iniziative di informazione.
L'incontro di informazione in Romagna si è tenuto presso la Trattoria da Luciano (Bottega Storica) a Russi, dove Borghi d'Europa sviluppa un ambizioso progetto di conoscenza e valorizzazione sotto il Patrocinio della Civica Amministrazione.
Al centro dell'incontro i temi della Mobilità Dolce, con l'intervento di Oliverio Resta, Presidente de Il Cammino di Dante.
Il Cammino di Dante è il primo viaggio organizzato attraverso i sentieri e le vie medievali che univano la Romagna e la Toscana percorse dal Sommo Poeta ai tempi del suo esilio, periodo in cui scrisse la Commedia.
Il percorso vuole riscoprire le antiche vie che collegano le due città di nascita e di morte del Poeta e valorizzare la figura di Dante accompagnando il viandante in un percorso non solo culturale e naturalistico ma anche letterario.
“Gli itinerari che abbiamo individuato si snodano quindi attraverso quei luoghi del territorio Tosco-Romagnolo citati nella Commedia, o direttamente vissuti dal Poeta durante i suoi anni di esilio. I sentieri che compongono gli itinerari, nella maggior parte dei casi, sono percorsi “in cresta” utilizzati sin dal basso medioevo, fino allo sviluppo dell’attuale rete viaria risalente alla fine dell’800. A tratti questi sentieri medievali coincidono con antiche strade etrusco-romane, facilmente riconoscibili dai tipici selciati.Sono previsti passaggi attraverso strade più recenti laddove necessario il raccordo tra i vari punti di interesse. Il cammino è comunque organizzato per ridurre al minimo (max. 3%) il passaggio da strade asfaltate. Il percorso si sviluppa attraverso un anello di circa 400 Km congiungendo la Romagna e il Casentino, per un totale di 20 tappe fisse, da percorrersi in senso antiorario. I due estremi del percorso – punti di partenza e arrivo – sono rappresentati dalla Tomba di Dante a Ravenna e il Museo Casa di Dante a Firenze.
Il Cammino di Dante non è quindi solo un percorso di trekking, ma anche un percorso culturale, artistico, filosofico e spirituale tra Ravenna e Firenze. La Divina Commedia nasce in questa dimensione, intrisa di personaggi, fauna, castelli, paesaggi, e dei dubbi che ogni uomo si pone attraverso un cammino, relazionandosi con il proprio sé. Molto di questa dimensione è rimasto intatto; altro è poeticamente ricostruibile, o ripercorribile con le stesse difficoltà e bellezze stimolanti dell’epoca medievale, mantenendo inalterate le suggestioni che hanno accompagnato passo dopo passo un uomo sensibile di quell’epoca, la cui creatività emergeva con prepotenza nei tratti più suggestivi del percorso, spesso testualmente citati nella Divina Commedia stessa.
Attraverso il Cammino di Dante riscopriamo i meravigliosi paesaggi della Romagna e del Casentino: riviviamo i fasti dei Conti Guidi e dei loro castelli ricchi di storia e di misteri, ci bagnamo nelle acque dolci e limpide dell’Acquacheta, ammirando la maestosa e sconosciuta bellezza delle foreste Casentinesi e respirando l’aria fresca e tersa dei suoi Eremi,dove l’uomo ritrova se stesso e la sua spiritualità più intima.”

BORGHI D’EUROPA NELLA TERRA DELLA LIBERTA’

Borghi d’Europa ha intervistato Federico Pedini Amati, Segretario di Stato per il Turismo, Poste, Cooperazione ed Expo, per analizzare quali siano le opportunità di ripresa delle attività turistiche nella Repubblica.

Federico_Pedini_Amati_Segretario_di_Stato_per_il_Turismo_Poste_Cooperazione_ed_Expo.png

“San Marino - ci ha risposto – è stato uno dei Paesi più toccati dalla pandemia. Tuttavia, come sempre è avvenuto nei momenti tragici della sua storia, grazie all’unità dei cittadini, che hanno seguito ordinatamente le disposizioni della Segreteria di stato per la Sanità, ha saputo fronteggiarla adeguatamente. Per merito poi all’ottima organizzazione sanitaria è stato quindi possibile in relativamente poco tempo divenire un Paese a 0 decessi,0 ricoverati,0 contagi.Sono quindi certo che in poco tempo il Paese riprenderà il suo appeal turistico, grazie alla sua storia di libertà che dura da più di 1700 anni e alle sue caratteristiche di Paese sicuro, attraente ed ospitale.
Questo grazie anche al nutrito calendario di manifestazioni, prontamente ricalendarizzate, come “San Marino Comics 2020 (28-29-30 agosto) e la prima edizione di Ace Jazz Festival San Marino (dal 18 luglio al 22 agosto). Saranno eventi “a bassa densità” di pubblico per il distanziamento sociale, ma ad “alta intensità” di interesse grazie ai protagonisti.
Il turismo (che rappresenta il 25% del PIL della Repubblica) certamente ripartirà, grazie alle caratteristiche uniche di questo Paese, che per di più si trova incastonato tra territori italiani bellissimi: la Romagna, le Marche e la Toscana. Nel 2019 San Marino è anche entrato nella IAI (Iniziativa Adriatico-Jonica).
Borghi d'Europa sviluppa sotto il Patrocinio della IAI e di ESOF202,Trieste Città Europea della Scienza, il progetto 'L'Europa delle Scienze e della Cultura', che darà ampio spazio informativo alla Repubblica di San Marino. In particolare sono previsti degli interventi a Trieste, quando si svolgerà ESOF2020.
Ma per conoscere San Marino non basta studiare la Storia, bisogna vederne i paesaggi unici, ammirare i suoi tesori artistici e degustarne i prodotti gastronomici ed enologici ed infine conoscere la cordialità espansiva (benché frenata per le necessità di distanziamento sociale)e l’ospitalità unica di questa terra”

Un’operazione storica che, con 1 milione e 200 quintali di uve del territorio emiliano, rafforza immagine e promozione soprattutto a livello internazionale”.
La storica fusione dei tre consorzi in un unico consorzio per la tutela del Lambrusco, dal prossimo anno unirà le piccole aziende a respiro locale con le più grandi a target internazionale, di Reggio Emilia, Modena e Bologna.  La fusione tra “consorzio di Tutela del Lambrusco di Modena”,  “consorzio per la Tutela e la Promozione dei Vini Dop Reggiano e Colli di Scandiano e di Canossa” e il “consorzio di Tutela Vini del Reno Doc”. “E’ un risultato storico” – ha commentato l’assessore regionale alla Agricoltura e Agroalimentare, Alessio Mammi – 
Nascerà in questo modo un soggetto che rappresenterà più di 1 milione e 200 quintali di uve del territorio emiliano, con una rilevante preponderanza di Lambrusco che così tutto unito diventa più forte: scelta intelligente e lungimirante per la tutela e per la promozione di uno dei vini “biglietti da visita” dell’Emilia Romagna e dell’Italia nel mondo. La volontà di unificare le forze per condividere intenti comuni e in particolare la promozione internazionale, porta ad un risultato storico, importante per tutto il territorio. 
Giacomo Savorini - direttore del Consorzio Vini Colli Bolognesi e di quello del Pignoletto, sarà deputato a guidare anche il Consorzio di tutela del Lambrusco di Modena: “Il Lambrusco è indubbiamente, nei numeri, uno dei vini immagine dell’Italia. È un grande universo rappresentato da differenti vitigni, territori e colori. Questa diversità, che ci contraddistingue e rappresenta, dobbiamo trasformarla anche in una grande ricchezza per tutti i produttori che contribuiscono a renderla viva ogni giorno. Penso che questo primo passo verso un unico soggetto consortile a tutela del Lambrusco a Denominazione di Origine Controllata ci consenta di poter raggiungere, finalmente, l’obiettivo di poterci rivolgere, agli occhi del consumatore finale, in modo coeso e uniforme, valorizzando ancora meglio le singole ricchezze delle diverse denominazioni”.
Ringraziamenti di Mammi per i presidenti Claudio Biondi, Ivan Bordot e Davide Frascari, assieme ai rispettivi consigli di amministrazione con l’auspicio di decidere di intraprendere questo percorso complesso, ma allo stesso tempo utile e strategico per il grande Lambrusco, con la convinzione di trarne ottimi risultati.
Prossimo passo, tra due mesi, interrogare i relativi consorzi in merito alla fusione per incorporazione e a settembre convocazione di un’assemblea plenaria sovrana che dovrà definitivamente sancire l’intera operazione.

Dal 5 all’11 luglio per 40 partecipanti a giornata sarà possibile partecipare a uno degli eventi estivi più belli del nostro Appennino. Da 13 anni, nella prima domenica di luglio, quando i campi di grano sfoderano il loro colore più intenso, il Forno di Calzolari organizza Mangirò, una straordinaria passeggiata mangereccia di circa dodici chilometri, attraverso i boschi di Monghidoro e dintorni, costeggiando ruscelli e piccoli borghi nello splendido contesto dell’Appennino Tosco-Emiliano. Partendo dalla bottega storica, nonché laboratorio di Monghidoro, nel centro del paese, si attraversano località, borghi e frazioni della zona, per concludere nel campo de La Piana. Segno distintivo dell’evento è la partecipazione dei più rinomati chef del panorama ristorativo bolognese (e non solo) che, assieme ai migliori produttori del settore agro-alimentare, offrono ad ogni tappa ricercate creazioni culinarie ai partecipanti. Il punto di partenza per ogni piatto degli chef è il pane realizzato con farine di grani antichi del Forno.  
La quattordicesima edizione si farà in una veste diversa, quasi teatrale. Quest’anno, infatti, Mangirò sarà replicato come un grande spettacolo, per 7 volte, da domenica 5 a sabato 11 luglio dalle 11 alle 17, per un numero massimo di 40 partecipanti a giornata. Il pubblico sarà suddiviso in piccoli gruppi condotti da guide certificate. Ogni tappa sarà allestita secondo il protocollo AIGAE, il Protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19, in relazione allo svolgimento in sicurezza degli esercizi di somministrazione alimenti, bevande e attività di asporto e consumo in Emilia-Romagna.
Hanno confermato la loro adesione Max Poggi (Massimiliano Poggi Cucina), Mario Ferrara (Trattoria Scaccomatto), Matteo Aloe (Berberè pizzeria) e tanti altri. Non mancheranno momenti di intrattenimento e di riflessione attorno a uno dei cibi più antichi prodotti dall’essere umano.
Sarà possibile iscriversi e pagare la quota di adesione (30 euro per gli adulti e 15 euro per i bambini) direttamente dal sito acasatua.fornocalzolari.it a partire dal 19 giugno, oppure recandosi in uno dei punti vendita di Forno di Calzolari: sia nella sede storica a Monghidoro (via del mercato 2) o in una delle sedi a Bologna in via delle Fragole 1, in Via Andrea Costa 121, all’interno di Fico Eataly Word e all’interno del Mercato di Mezzo in via Clavature 12.

FORNO MONGHIDORO
Negozio e laboratorio
Via del Mercato, 2 - Monghidoro
Tel. 0516555292 

COSTA
Via Andrea Costa, 121
Bologna
Tel. 0516143118   

FRAGOLE
Via delle Fragole, 1
Bologna
Tel. 051443401

MERCATO DI MEZZO
Via Clavature, 12
Bologna
Tel. 3295770070

 FICO Eataly World
Via Paolo Canali, 8
Bologna
Tel. 0510029235

Pagina 2 di 43

Rivista mensile cartacea e Ipad - Newsletter quindicinale - Trasmissione tv - Eventi live

Tipicità e turismo enogastronomico, cucina del territorio, ristoranti e ristoratori, chef, vini e vigneron, hotellerie, itinerari turistici, trend di mercato, cultura e lifestyle.

Contatti

Degusta Srl
Via Francesco Cilea, 10
40141
Bologna (BO)
PI 03533051201
marketing@degusta.tv