Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso all'installazione di qualsiasi cookie clicca sul pulsante "Scopri di più". Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie

News dal network Degusta

Notizie in evidenza

News dal network Degusta

Il progetto di Massimo Spigaroli, sindaco del Comune di Polesine Zibello, sarà presentato il 24 e 25 novembre al Teatro Pallavicino. “Abbiamo raggiunto l’84,1% di raccolta differenziata collocandoci in Emilia-Romagna al quinto posto tra comuni inferiori a 5.000 abitanti”- dichiara Spigaroli – “Essere un comune virtuoso ci consente ora di destinare le nostre energie al suo Bosco Fluviale per liberarlo dalle plastiche e dai rifiuti portati dalle piene dal Po e a tutte le emergenze del territorio. Lo faremo con un semplice gesto, raccogliendo quanto sta contaminando l’ambiente, evitando così che torni al fiume e arrivi al mare”. Il suo è un lungo viaggio e come ogni viaggio che si rispetti è fatto di incontri: il pioppo, il salice bianco, l’ontano nero, l’olmo e la rosa del cucù. Parliamo della plastica e con lei delle altre varietà di rifiuti che durante le piene del Po, viaggiano sospinti dalle correnti del fiume, insinuandosi nel Bosco…
E’ proprio come una baita in tipico stile alpino, molto accogliente con arredamento caratteristico in legno. E’ sulla strada che va a Cortina da una parte e a Alleghe dall’altra, all'incrocio che da Caprile porta ad Arabba, ci si arriva anche scendendo dalla Marmolada, ma è pure vicino ai Serrai di Sottoguda e poco lontano dal Sacrario Militare di Livinallongo. Insomma, è impossibile non trovare La Murada. C’è anche un ampio parcheggio e non distante, un parco giochi pubblico per bambini.  E’ il locale consigliato a chi vuole mangiare qualcosa al volo durante un giro in moto o una passeggiata (servizio bar) ma anche a chi vuole portare la famiglia o gli amici a mangiare qualcosa di tipico comodamente sistemati nelle salette (di cui una soppalcata) con tavoli ben apparecchiati ed è ideale pure per una coppia, magari per mangiare nella grande terrazza con vista sulle splendide Dolomiti agordine. Lo…
Inaugurato a Bologna il "Salute Più concept Store" in via Irnerio 10/L, accanto alle Terme San Petronio - Antalgik. Nel nuovo store del Gruppo Monti Salute Più i prodotti del benessere: profumi naturali ispirati alla storia bolognese del XVIII secolo,  dermocosmesi termale che dà bellezza alla pelle e nel settore del food&beverage del Villaggio della Salute Più, una delle più grandi novità nel campo della nutrizione, il Saltapasto, primo prodotto da forno sostitutivo di un pasto, studiato assieme al CIG – Centro interdipartimentale “L. Galvani” dell’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna. E ancora le proposte della “Via della Seta Bolognese”, che riprende le antiche vie di commercio percorse dal 1200 al 1700 con fantastici prodotti dalla texture unica, sfruttando il know-how scientifico del Gruppo Monti Salute Più, da 50 anni attivo nel settore sanitario e del wellness. Dalle terme romane a quelle di terza generazione, dalla seta rinascimentale all’ecofashion, dalla…
Nei giorni 22, 23 e 24 novembre il Grand Tour delle Marche fa tappa a Serra de’ Conti (AN), suggestivo borgo di stampo medioevale racchiuso da una possente cinta muraria ed adagiato tra i dolci colli trapunti di vigneti. Siamo nel territorio di un’autentica eccellenza, il Verdicchio dei Castelli di Jesi, ma per celebrare la Festa della Cicerchia, un legume povero che in passato ha contraddistinto la cultura alimentare di questo angolo delle Marche. La Festa rappresenta la penultima tappa del Grand Tour delle Marche 2019, promosso da Tipicità ed ANCI Marche con la partnership strategica di Banca Mediolanum e Mediolanum Private Banking. La cicerchia è un legume antico che per tanto, troppo tempo, è caduto nell’oblìo, accantonato per far posto ad altri alimenti più ricchi, ma che oggi ritorna prepotentemente alla ribalta in virtù delle sue proprietà nutritive e delle proteine nobili che racchiude. Un’autentica icona dello stile di vita mediterraneo che, da un ventennio, viene celebrata nel penultimo weekend…
Mi seggo comodamente, assaporo il piacere di un bicchierino di “elisir del tempo” e vago con la mente ad una storia che risale all’ormai lontano 1918; una storia vissuta nella mia Torino pochi mesi prima del ritorno della pace. Un ritorno che sul finire dell’autunno di quell’anno non calmò di certo lo scontro politico in città. Le tante divergenze tra la sinistra e la destra al momento dell’armistizio che chiudeva la Prima guerra mondiale evidenziarono profonde divisioni. Ma non sarà della politica di quel frangente storico o del conflitto bellico che voglio parlarvi ma di un evento, tragico e cruento, che fece molto scalpore nel febbraio 1918. Al numero 19 di Contrada San Filippo, oggi via Maria Vittoria, prese appartamento Pietro Balocco, un giovane arrivato in città da San Germano Vercellese. In più occasioni il Balocco fu visto entrare e uscire dall’abitazione in compagnia di un prete, Don Guglielmo Gnavi…
Sono i protagonisti dei momenti conviviali importanti delle feste di fine anno: due grandi eccellenze del territorio emiliano romagnolo - tutti e due IGP - anche se per l’origine di provenienza, il Friuli Venezia Giulia ne rivendica da sempre la maternità…Il cotechino dovrebbe vantare una storia più antica perché sembra sia il precursore dei salumi moderni, mentre lo zampone pare nato come “cotechino sbagliato”… Si narra che il cuoco dell’umanista e filosofo Pico della Mirandola, infilò diversi cotechini all’interno di zampe di  maiali, per poterli conservare a lungo. Da allora, restarono tutte e due le versioni: entrambi insaccati con la caratteristica di essere conservati e consumati previa cottura. La particolarità dello zampone - la zampa anteriore del maiale comprese cotenna, dita e unghie - è l’involucro, in altre parole, il tessuto che tiene fermo il mix di grasso, carne e cotenna tritati ad arte insieme alle spezie. Il cotechino ne condivide il…
Grande cucina, grandi protagonisti, grande qualità. Poche parole per descrivere questa quinta edizione di Garda con Gusto - Gourmet Experience. Tre giorni in cui le eccellenze enogastronomiche, gli spettacoli golosi, i produttori e gli chef locali e internazionali ma anche chi ha semplicemente assaporato quanto offerto nei giorni dell’evento, sono diventati veri ambasciatori del gusto. Abbiamo visto spazi eno-gastronomici dedicati alle eccellenze del territorio allestiti per l’occasione per fare del gusto e della ricerca sensoriale un vero stile di vita. I Salotti del Gusto hanno celebrato la carne salada a marchio De.Co., il pesce di lago ed il mondo green-vegetariano. In quegli eleganti spazi si sono degustati i menu del territorio: antipasti, primi piatti, secondi elaborati ed interpretati dai produttori, chef e ristoratori locali. E’ stata un’occasione rara e preziosa di assaporare l’italianità e le radici enogastronomiche di un territorio - il Garda Trentino - che a Garda con Gusto ha celebrato…
Il viaggio all’interno di un microcosmo che diventa un universo a se stante, fisico e letterario. Questo era il rapporto profondo tra Giovannino Guareschi e i luoghi teatro dei suoi racconti. Con le sue parole: “Bisogna precisare che, per me, il Po comincia a Piacenza. Il fatto che da Piacenza in su sia sempre lo stesso fiume non significa niente: anche la Via Emilia, da Piacenza a Milano, è sempre la stessa strada; però la Via Emilia è quella che va da Piacenza a Rimini. Non si può fare un paragone tra un fiume e una strada perché le strade appartengono alla storia e i fiumi alla geografia. E con questo? La storia non la fanno gli uomini: gli uomini subiscono la storia come subiscono la geografia”. Il Po e la Via Emilia, la geografia e la storia:  il Mondo piccolo di Guareschi appartiene a entrambe le dimensioni, rappresenta la loro stessa fusione. Viaggiare…
Wizz Air, la più grande compagnia aerea low cost dell’Europa Centrale e Orientale, ha aderito con la partecipazione di tutti i suoi impiegati, personale di cabina e di volo, al movimento Movember del 2019 per promuovere uno stile di vita sano al fine di sensibilizzare l’importanza della salute maschile. Movember, termine nato dalla fusione della parola baffi (in inglese mo) e novembre, è la principale organizzazione globale impegnata a cambiare il volto della salute degli uomini. Evento annuale che consiste nel farsi crescere i baffi durante il mese di novembre. Movember ha come obiettivo principale quello di catalizzare l’attenzione sui problemi di salute maschile come il cancro alla prostata, il cancro ai testicoli e il tema del suicidio. Il cancro alla prostata è il secondo tumore più diffuso negli uomini in tutto il mondo; se preso in tempo, il tasso di sopravvivenza al carcinoma prostatico è superiore al 98%, scoperto tardi, il tasso…
Giampietro Comolli, agronomo, gastronomo ed economista della vite e del vino, in occasione di questo volume lancia un monito su cui riflettere: “la polenta è il primo piatto culturale: le ricette esaltano la bio diversità regionale italiana”. Sulla scia di tanta importanza e riflessione, ed in occasione dei festeggiamenti dell’Oro di Storo, é nato un libro, dedicato sì alla famosa polenta trentina, ma di fatto capace di elogiare tutta la polenta italiana. La V^ edizione del Festival della polenta di Storo  è stata l’occasione per presentare quindi un libro di piatti e ricette destinato a diventare un riferimento. Il libro presenta alcuni testi introduttivi che portano il lettore dentro il mondo, semplice ma diversificato, della storia della polenta, storia di Agri’90 che è la vera artefice del successo di Storo e del granoturco Nostrano, di scrittori come Giuliano Beltrami e Emanuele Mussi.  Vigilio Giovannelli, storico fondatore, pervicace comandante e attuale presidente di…
Pieno successo per Le Conserve della Nonna che dopo il Quality Award 2019 si prepara a un ulteriore ampliamento di gamma: con sola frutta italiana e zucchero di filiera nazionale, lo storico marchio del Gruppo Fini si conferma protagonista nella categoria nel segmento delle confetture extra.In attesa di nuove referenze già in fase di studio, altro valore aggiunto arriva per le confetture di Le Conserve della Nonna, brand fondato nel 1973 a Ravarino (MO) e oggi in forza al Gruppo Fini.  Già a marzo l’azienda modenese si era aggiudicata il prestigioso Quality Award 2019 per le confetture, disponibili nelle varianti di gusto ciliegia dell’Emilia, fichi, amarene dell’Emilia, pesca, albicocca, fragole, arancia, more, frutti di bosco e sapore. Il premio è il risultato di una valutazione diretta da parte di 300 consumatori chiamati a giudicare vari componenti del prodotto nel suo complesso (gli ingredienti, l’aspetto, il sapore, la consistenza, il profumo, ecc…) nel corso di rigorosi “blind…
Dal 4 al 6 novembre il turismo dell’Emilia Romagna si presenta alla rassegna turistica World Travel Market (WTM) di Londra - 27 operatori turistici sono ospitati in uno stand di 150 metri quadrati coordinato da Apt Servizi Emilia Romagna - L’evento sarà l’occasione per presentare le iniziative previste in occasione dei “Centenari” 2020/2021 (dedicati a Fellini, Artusi, Mozart, Dante) e a “Parma Capitale Italiana della Cultura 2020” - L’Assessore Regionale al Turismo Corsini: “La sfida di aumentare ulteriormente i turisti in arrivo dal Regno Unito va vinta mettendo in campo quel mix unico di cultura e storia, tradizioni ed eccellenze, vacanza attiva, wellness ed enogastronomia che rendono il viaggio in Emilia Romagna un’esperienza”L’offerta turistica dell’Emilia Romagna si presenta, dal 4 al 6 novembre a Londra, in occasione della rassegna internazionale World Travel Market (WTM).Saranno 27 gli operatori turistici regionali ospitati - assieme alle Destinazioni Turistiche Visit Emilia, Bologna&Modena, Visit Romagna…
Pagina 1 di 41

Rivista mensile cartacea e Ipad - Newsletter quindicinale - Trasmissione tv - Eventi live

Tipicità e turismo enogastronomico, cucina del territorio, ristoranti e ristoratori, chef, vini e vigneron, hotellerie, itinerari turistici, trend di mercato, cultura e lifestyle.

Contatti

Degusta Srl
Via Francesco Cilea, 10
40141
Bologna (BO)
PI 03533051201
marketing@degusta.tv